MASSIMO EMANUELLI

ME1Massimo Emanuelli nasce a Milano eccolo bambino stile anni ’60, con i calzoni alla zuava e i capelli…  Massimo è nel cortile della scuola elementare milanese che frequenta in zona San Siro. scuole medie sempre in zona San Siro, Massimo cresce fra il Giambellino (canzone immortalata da Giorgio Gaber) e, come tutti i bambini degli anni ’60-’70 frequenta la scuola elementare Luigi Cadorna (la stessa di Fabio Concato) e gioca a calcio, ruolo portiere (come tutti coloro che non giocano bene…). Massimo frequenta l’oratorio San Protaso, suo compagno di giochi è Diego Abatantuono.  Scuole medie sempre nella zona San Siro, ancora oggi, ad oltre trent’anni di distanza, quando ascolta la canzone LUCI A SAN SIRO di Roberto Vecchioni come tutti i ragazzi di allora, nati e cresciuti in quel di San Siro, rivive molte emozioni. Giovanissimo (ha solo 15 anni) Massimo Emanuelli inizia a frequentare l’ambiente delle prime radio private (o libere, come allora si chiamavano) milanesi. Da ascoltatore, a frequentatore, a ospite, quindi lavora dietro le quinte, ordina i dischi, riceve i telex (antesignani dei fax e delle email odierne) per il giornale radio.  Un giorno, come è accaduto per altri futuri conduttori radiofonici, non arriva lo speaker (così si chiamava allora il conduttore del giornale radio) tocca a Massimo che è un ragazzino l’onore (e l’onere) di andare in onda e leggere le notizie.  Ogni giorno a Milano (anni di piombo) si registrava una sparatoria, notizie non belle.  Massimo Emanelli è quindi fra i più giovani conduttori a Milano (e forse in Italia) di un giornale radio. Da quel momento (1978, l’anno dei due Papi, dell’elezione di Sandro Pertini alla Presidenza della Repubblica, dell’omicidio Moro), Massimo Emanuelli inizia a parlare, e non ha smesso ancora oggi, fortunatamente, dicono i suoi ammiratori, sfortunatamente dicono i suoi nemici.  ME2Massimo intanto studia, si diploma in ragioneria, ma chi l’avrebbe mai detto? Consegue il diploma in quell’istituto dove tornerà vent’anni dopo come insegnante di italiano e storia. Massimo Emanuelli è di tutto, fuorchè un metodico ragioniere, il suo divertimento, la sua passione è la radio.  Radio City, Radio Montestella, Radio Stramilano, Radio Ambrosiana, le emittenti sulle quali Emanuelli va in onda.  Conosce Zio Dany, Pino Beccaria, Fiorenza Mursia, Liliana Feldmann, Gino Bramieri, Memo Remigi, Anna Barbara Russo, a Radio Ambrosiana incrocia l’allora cabarettista del Derby Gianfranco Funari.

 

FOTO DI GRUPPO ANNI ’80 MASSIMO EMANUELLI E’ IL PRIMO (IN ALTO) A SINISTRA (SEMPRE CON I CAPELLI…) RICONOSCETE QUALCUN ALTRO?

ME5Gli anni dal 1977 al 1983 sono intensissimi come per molti giovani di allora, la radio è una grande passione, musica, informazione e voglia di trasgredire.  L’avventura radiofonica si interrompe nel 1983, per ragioni di studio, diplomatosi si iscrive alla facoltà di lettere dell’Università Statale di Milano, dove si laureerà in storia del giornalismo,  ma anche per ragioni di fine delle radio libere.  Arrivano i network, e Video kill the radio star, il video uccide le star della radio.  Emanuelli lascia la radio per laurearsi, perchè non adatto al video, perchè la radio era (ed è) il primo amore, che non si scorda mai, e infine perchè il suo genere di trasmissioni poco si adatta ai network, l’avventura è interrotta.  Eppure – ha dichiarato Emanuelli nel corso di una recente intervista a Radio Aut e alla Fiera del Libro di Torino nel corso della presentazione del libro di Paolo Lunghi VIA ETERE – l’esperienza radiofonica mi è utile ancora oggi, come insegnante e con altri lavori inerenti la comunicazione.  Gli anni fra il 1983 e il 1987 sono quelli dello “studio matto e disperatissimo” laureatosi Emanuelli inizia la sua attività di docente e riparte come giornalista della carta stampata. Ma anche negli anni dell’università Emanuelli continua a frequentare il mondo dello spettacolo milanese presso il quale conta molti amici.  Nel 1987 Emanuelli inizia a collaborare con la carta stampata, occupandosi di cultura, scuola, e, naturalmente, di spettacolo. Scrive anche testi teatrali, fa teatro, continua la sua attività di docente e giornalista, è membro del consiglio direttivo del Circolo Il Caffè, associazione di cui nel 1989 diventerà Presidente.  Proprio fra la fine degli anni ’80 e l’inizio degli anni ’90 datano alcune amicizie che durano ancora oggi, con molte delle persone conosciute allora Emanuelli continua a lavorare (anche per questo sito): l’attore Roberto Marelli, l’allora sindaco di Milano Paolo Pillitteri, attuale condirettore dell’Opinione delle Libertà, Gigi Vesigna, Maurizio Seymandi, Enrico Beruschi, Cesare Cadeo, e tanti altri. Fra la fine degli anni ’80 e la prima metà degli anni ’90 con il Circolo Il Caffè Emanuelli organizza molti incontri fra gli studenti milanesi e personaggi del mondo dello spettacolo.

 Nel 1995 Massimo Emanuelli porta per le scuole della regione Lombardia, con il patrocinio della stessa Regione Lombardia, l’iniziativa FARE SCUOLA CON GLI AUDIOVISIVI, IL TEATRO, LA CANZONE, LA TELEVISIONE, LA RADIO E IL CINEMA.  La didattica audiovisuale coinvolge gli studenti e i docenti, sia per l’efficacia che essa ha nell’era della comunicazione per immagini, che per la partecipazione alle iniziative de IL CAFFE’ notissimi personaggi del mondo del cinema e della televisione  Nel corso degli anni scolastici 1995/1996, 1996/1997, 1997/1998, e 1998/1999 Emanuelli gira per oltre cinquanta scuole della Lombardia e propone cineforum storici e letterati. Non c’erano ancora la rete, youtube, i dvd, solo rudimentali videocassette, ma Emanuelli usa questi mezzi a fini didattici, in quell’occasione conosce Andras Kocsis (già direttore della tv ungherese, poi fondatore di Telepadania) e il critico d’arte Vittorio Sgarbi.  Il 1995 è per Emanuelli anche l’anno del ritorno in radio, dopo 12 anni di assenza, idea e conduce il programma L’ANGOLO DELLA SCUOLA E DELL’UNIVERSITA”, il primo programma radiofonico nazionale andato in onda su emittenti private interamente dedicato al mondo della scuola e dell’università, programma andato in onda su Radio Village, Radio Milano Palmanova, Radio Planet, su Circuito Marconi (network della Curia di Milano) e su Radio Blabla webradio che “da voce a chi non ha voce”.  Nel corso del programma uno studente e un insegnante si confrontavano settimanalmente con cantanti, politici, attori, imprenditori, registi e imprenditori che ricordavano i loro tempi scolastici.  Altri programmi radiofonici di Emanuelli sono SCHEGGE DI CINEMA, QUI REGIONE LOMBARDIA, e VIENI A PRENDERE UN CAFFE’.   Come è la radio dopo tanti anni? Cambiata, ma sempre magica, ha un fascino che la televisione mai potrà avere.   A una domanda di un docente: quale è la differenza fra Emanuelli conduttore e l’Emanuelli insegnante, il nostro, rigorosamente in diretta, risponde: “a scuole gli studenti devono ascoltarmi per forza, in radio possono anche cambiare canale o spegnere la radio…”

Nel 1998 Massimo Emanuelli intervista Bettino Craxi che gli dice: “Berlusconi, Prodi, Scalfaro, Napolitano, invece di fare il processo al vecchio regime nel quale erano presenti anche loro, si preoccupino di far funzionare bene l’Italia, non ne sono in grado e porteranno il Paese in un crisi senza precedenti nella storia”.

Il 1999 è per Emanuelli il ritorno alla carta stampata, ideazione delle rubriche fisse settimanali I ritratti milanesi, Accadde a Milano, Eventi del ‘900, I ritratti televisivi. E’ la prima e finora unica volta, in cui Emanuelli, nel corso della sua carriera, accetta di scrivere per un giornale politico. Dopo un’iniziale titubanza, Emanuelli si consulta con alcuni vecchi maestri ed amici (Enzo De Mitri, Gigi Vesigna e Gianfranco Funari): posso io scrivere per un giornale di partito? quanto duro? non avrò mai autonomia. I maestri consigliano ad Emanuelli di iniziare a scrivere con la sua solita autonomia ed indipendenza e di girare i tacchi non appena fosse venuta a mancare tale auotonomia, De Mitri ricorda ad Emanuelli che L’Opinione è più antica testata politica italiana di tradizione liberale fondata da Camillo Benso, conte di Cavour, che ha avuto poi fra i collaboratori Benedetto Croce e Giovanni Malagodi, trasformata in quotidiano del partito liberale nel 1992 da Arturo Diaconale, sopravvissuta con molte traversie alla morte del partito. Diventata punto di riferimento dell’area liberal-democratica e moderata, Emanuelli accetta ed inizia a collaborare, ritrova nelle vesti di condirettore il suo vecchio prof.Paolo Pillitteri che lo lascia scrivere nella più totale autonomia. Oltre alle rubriche fisse Emanuelli per il quotidiano liberale cura la critica teatrale e, di concerto col condirettore Pillitteri, la critica televisiva e cinematografica, viene mandato come inviato a Palazzo Marino, Palazzo Isimbardi e il Pirellone, sedi delle istituzioni locali, proverbiali rimangono le feroci critiche alla falsa opposizione del centro-sinistra e le punzecchiature ironiche alle giunte del centro-destra, alcuni consiglieri ed assessori che non leggono si accorgono della non celata ironia di Emanuelli allorquando il centro-destra perde le elezioni provinciali.

Emanuelli e la televisione?  L’inizio è come spettatore, assiste alle prime trasmissioni (anche in diretta negli studi televisivi) di Antenna 3 Lombardia e di Telemilano58, di proprietà di tale Silvio Berlusconi. Poi molto lavoro dietro le quinte, soprattutto con Roberto Marelli (Storie di Lombardia, Telenova) e Maurizio Seymandi (Superclassifica show, Canale5), Emanuelli ha scritto molti testi.  Nel 2005 esordisce casualmente come conduttore televisivo, come era accaduto anni prima in radio. Massimo Emanuelli aveva scritto i testi del programma Mestieri Artigiani, che doveva essere condotta da un noto attore che ha rinunciato all’ultimo per un impegno teatrale, non trovando un altro conduttore Emanuelli si è trovato per la prima volta, passati i quarant’anni, dopo molto lavoro dietro le quinte, in radio e sulla carta stampata, dietro il video.

Guarda la puntata n° 10

Guarda la puntata n° 18

Massimo Emanuelli dedica le sue trasmissioni a Gabriele Lanfredini, Aldo Aniasi e Giorgio Gaber, maestri di vita e di libertà.

Nel corso di un’intervista per MESTIERI ARTIGIANI Gianfranco Funari, alla vigilia della campagna elettorale delle elezioni politiche del 2006, gli risponde in mutande dicendogli: “famo così l’intervista e sai perchè? Perchè Berlusconi ci ha ridotto in mutande, se adesso vince Prodi ce le toglie”.

Fra le iniziative del 2005 la partenza con Gigi Vesigna, Maurizio Seymandi e con altri amici www.storiaradiotv.it   Ultimata l’esperienza di MESTIERI ARTIGIANI, dal marzo 2007 Massimo Emanuelli collabora con MILLECANALI, cura il progetto TELEVISIONE E LETTERATURA. Attivo nel mondo del volontariato e dei diversamente abili, i “miei hamici” con la acca davanti, dal titolo di un libro che predilige, Massimo Emanuelli si è anche occupato di disabilità nel cinema, nella radio e nella televisione.  Attiva in alcune associazioni di disabili, coordinatore dei docenti di sostegno per un istituto privato milanese.

Nel 2008 il rientro in radio con i colleghi di www.storiaradiotv.it nell’ambito del programma R COME RADIO, una storia della radio italiana ascoltabile in streaming (www.radiocittabollate.it) da Radio Rai alle emittenti private, radio libere, come a lui piace ancora chiamarle. Nel 2009 Massimo Emanuelli cura con Davide Camera R COME RADIO, la storia della radio italiana, progetto sperimentale.  Sempre nel 2009 esce GIANFRANCO FUNARI IL GIORNALAIO PIU’ FAMOSO D’ITALIA, la biografia di Gianfranco Funari, conosciuto da Emanuelli nell’ormai lontano 1977, il libro viene presentato su 75 tv locali (le stesse sulle quali andavano in onda Gianfranco Funari e Maurizio Seymandi) “Telepannocchia” come le chiamava affettuosamente lo stesso Funari. Nel 2010 il rientro in radio con L’ANGOLO DELLA SCUOLA.

Il 24 e 25 luglio 2010 Massimo Emanuelli è stato premiato, unitamente a Marco Baldini, con l’Oscar della Radio nell’ambito della V edizione di DEE JAY SOTTO LE STELLE a Villammare di Salerno.  “Per avere unito due mondi apparentemente separati (quello della radio e quello della scuola e dell’Università), e per avere raccontato con saggi, articoli e libri la storia dell’emittenza radiotelevisiva italiana”.  Dal 27 gennaio 2012 Massimo Emanuelli cura una rubrica radiofonica fissa di storia della radio e della tv all’interno del programma FEELTH ’90 condotto da Roby Laville in onda su Radio Pnr e su un circuito di webradio.  Dal febbraio 2012 è direttore artistico della costituenda webradio scolastica dell’Accademia Informatica, Massimo Emanuelli è citato come critico televisivo da Sergio Zavoli sul sito del Senato della Repubblica, attualmente sta lavorando per Massimo Boldi per il quale sta curando un libro-intervista.

 www.feelthe90.com

Nel settembre 2012 riprende la rubrica di storia della radio e della tv in onda su Radio Pnr (Tortona), Radio Vertigo One (Alessandria), Radio Erreci (Conegliano Veneto), Radio Italia Anni ’60, Radio Di-Gi One (Trento), Radio Studio 7 di Macerata, Radio Club California (Casoria), Radio Manfredonia Centro, Radio Idea (Molfetta), Radio Messina International, Group Webradio, Cometa Radio (Corigliano Calabro), Radio Voce Spazio (Alessandria), Dimensione Radio (Siracusa), Radio Color (Villa d’Agri, Potenza), Radio Fusion (Sinnai, Cagliari), Radio Danza (Cagliari), Radio Neve Sound. Radio Cisterna (Latina), Radio Stella Dance (Broni, Pavia).

Fra fine agosto e settembre 2012 Emanuelli alcune ospitate a Radio Azzurra (San Benedetto del Tronto) e viene intervistato da Brunello Graziosi, speaker noto per avere intervistato personaggi controcorrente e restii a parlare come Beppe Grillo.

http://soundcloud.com/brunello_deejay/intervista-beppe-grillo

http://soundcloud.com/brunello_deejay/intervista-massimo-emanuelli?utm_campaign=timeline&utm_content=http%3A%2F%2Fsoundcloud.com%2Fbrunello_deejay%2Fintervista-massimo-emanuelli&utm_medium=facebook&utm_source=soundcloud&fb_source=message

Nell’ottobre 2012 riparte anche la diciottesima edizione de L’angolo della scuola, programma per studenti ed insegnanti, la prima, e forse unica, trasmissione interamente dedicata al mondo della scuola, con studenti, insegnanti e vip che si confrontano parlando di scuola e ricordando i tempi della scuola. Da quest’anno L’ANGOLO DELLA SCUOLA su Radio Ritmo Varese, Radio Free Teggiano, Radio Mare Imperiale e, in replica su altre emittenti locali in fm e webradio, con la rete e con il podcast (disponibile dopo una settimana della prima messa in onda lo si può ascoltare ovunque.

I podcast di alcune puntate del nuovo ciclo:

http://www.radiofree.it/page_96.html

Nel novembre 2012 il programma L’ANGOLO DELLA SCUOLA viene citato sul blog di Beppe Grillo, Emanuelli ringrazia e precisa: “con la trasmissione sono sempre stato dalla parte degli studenti, degli insegnanti, dei genitori, dei cittadini che negli ultimi anni si sono indignati con i politici che stanno distruggendo la scuola pubblica italiana. Sono d’accordo con Beppe Grillo nel condannare (per quanto riguarda la scuola, settore del quale mi intendo) le malefatte dei politici, mi fa piacere che alcuni politici della casta mi abbiano paragonato a Grillo (per me è un onore, evidentemente per loro è un’offesa o un crimine), paragone che è stato fatto anche da alcuni studenti goliardici ma in senso positivo. “Prof. – ha scritto uno studente – sia lei che Grillo non le mandate a dire, dite cose giuste e fate ridere”.

Dal 27 novembre 2012 Massimo Emanuelli è direttore artistico de Meeting Internazionale della Radiofonia Deejay sotto le Stelle, manifestazione giunta alla sua ottava edizione, che assegna gli Oscar della radio e che con la direzione di Emanuelli avrà nuove sezioni con premi per le radio locali, le webradio, le webradio scolastiche, i giovani speaker e le trasmissioni locali, oltre ad una nuova giuria di qualità ed ai tradizionali Oscar Nazionali ed Oscar alla carriera. L’1 gennaio 2013 Emanuelii conduce 10 ANNI SENZA GABER: CIAO GIORGIO NON TI ABBIAMO DIMENTICATO, special per ricordare Giorgio Gaber, con il quale una webradio batte ogni record di ascolti.

http://www.radiofree.it/special_gaber_102.html

Un Gaber così è stato ricordato solo da Emanuelli e da Andrea Scanzi de Il Fatto Quotidiano. Emanuelli è sempre in onda ogni settimana con L’ANGOLO DELLA SCUOLA e di tanto in tanto realizza speciale rievocativi dedicati ai grandi della musica leggera italiana, a personaggi storici e ad eventi (Special Lucio Dalla, Le estati canore, il suo tradizionale  programma estivo ecc.).

Nel gennaio 2013 riparte dopo la pausa natalizia L’ANGOLO DELLA SCUOLA ora in onda anche su Radio Voghera Servizio Pubblico, primo ospite Fabio Concato, che fu il primo ospite della trasmissione nell’ormai lontano 1996, nei primi mesi del 2013 ci saranno Cino Tortorella,  Gianfranco Guarnieri (pioniere delle radio e delle tv locali toscane), Loretta Goggi e Beppe Grillo, ma non si sa, perchè Grillo raramente rilascia interviste ultimamente, ancora non si è capito se si tratta di uno scherzo di Grillo, di Emanuelli o  di Guarnieri che imita lo stesso Grillo.

Dal martedì 12 febbraio a sabato 16 febbraio 2013 Emanuelli conduce Perchè Sanremo è Sanremo, storia d’Italia dal 1952 al 2013 attraverso il Festival, ospiti fissi i sodali Gigi Vesigna e Maurizio Seymandi, amici di una vita, cantanti delle passate edizioni, iniziando da Wilma De Angelis, presentatori delle vecchie edizioni come Giancarlo Guardabassi, le immancabili previsioni sul vincitore dell’edizione del 2013, il programma va in onda su www.radiofree.it alle 18,30, e viene replicato da www.webradiostation.it, www.rmin.co.uk, www.radiomareitalianetwork.co.uk nonchè da altre emittenti web ed fm, fra le 18,30 e le 19 di martedì 12 febbraio Emanuelli è in onda contemporaneamente su quattro radio: Radiofree, con la diretta di Perchè Sanremo è Sanremo puntata sugli anni ’60, Webradio Station con la replica di Perchè Sanremo è Sanremo puntata anni ’50, e con le repliche de L’ANGOLO DELLA SCUOLA. Fra il 30 marzo e il 31 marzo 2013 si spengono due grandi della musica leggera italiana, Enzo Jannacci e Franco Califano, Massimo Emanuelli realizza uno special, Enzo Jannacci la voce di Milano, Franco Califano la voce di Roma che vede la partecipazione di Maurizio Seymandi, Massimo Boldi e Granfranco Guarnieri. lo special viene trasmesso anche da www.artistidabar.com è l’esordio di Emanelli su questa nuova webradio specializzata nella musica italiana nata per iniziativa dell’Associazione Musica Italiana, gli ascolti sono strepitosi per una webradio fra l’altro nata da poche settimane, la direzione dell’emittente propone ad Emanuelli di realizzare altri special sulla storia della musica leggere italiana, nell’estate 2013 partirà infatti LE ESTATI CANORE ITALIANE, format estivo “leggero” del professore, il format sarà leggermente modificato e prevede la partecipazione di molti cantanti e con il solito mix di storia, costume e canzoni.

http://www.radiofree.it/specialiannaccicaliffo_112.html

Con L’ANGOLO DELLA SCUOLA, gli special, la rubrica sulla storia della radio e della televisione, Dj sotto le stelle e Le estati canore, Emanuelli è in onda (tramite repliche e differite) su 25 radio fm e web.

IL 24 aprile 2013 su Talentwebradio (www.artistidabar.com) parte il nuovo ciclo de LE ESTATI CANORE ITALIANE ribattezzato STILE ITALIANO : LE ESTATI CANORE ITALIANE RACCONTATE DA MASSIMO EMANUELLI E DAI SUOI OSPTI, show che ci accompagnerà tutta l’estate e che sarà replicato su dieci emittenti,  Emanuelli preannuncia interviste ed interventi di tantissimi cantanti dagli anni ’60 ai nostri giorni che hanno accompagnato le nostre estati, rivivremo la storia d’Italia (e della canzone) dagli anni ’60 ad oggi. Fra gli intervistati: Mario Tessuto, Gianni Maser (cantante anni ’60, poi collaboratore di Ezio Radaelli al Cantagiro e di Mike Bongiorno al Giromike), Pino Callà (regista e produttore del Festivalbar), Nico Fidenco, Toni Santagata, Giancarlo Guardabassi, Nico Fidenco, Mario Abbate junior, Noris De Stefani, il giornalista Luca Pollini, Umberto Brindani (direttore di Oggi), Renzo Arbore, Claudia Endigo che ricorda il padre Sergio Endrigo, Claudio Natili dei Romans, Nicola di Bari, Ivan Cattaneo, Raoul Casadei, Gianni Drudi, Gazebo, Valeria Rossi, gli immancabili sodali Gigi Vesigna e Maurizio Seymandi ed altri. Viene coniato lo slogan: il meglio del giornalismo e della musica italiana passa per STILE ITALIANO : LE ESTATI CANORE ITALIANE RACCONTATE DA MASSIMO EMANUELLI E DAI SUOI OSPTI,  Il 16 settembre 2013 riparte L’ANGOLO DELLA SCUOLA emittente capofila è sempre Radio Free primo ospite del nuovo ciclo è il professor Nicola Morra, ex insegnante e ora capogruppo del Movimento 5 Stelle al Senato, Morra rompe un silenzio, cambia l’atteggiamento dei grillini nei confronti dei media. Morra intervistato da Emanuelli alla domanda: sappiamo che i giornalisti dei network e dei grandi giornali rispondono ai politici che li hanno sistemati, conosciamo la loro faziosità, ma anche ci avete messo del vostro per non farvi amare, ammette alcuni errori sulla comunicazione), l’intervista concessa ad Emanuelli è la seconda, prima ad Enrico Mentana per La7, il ghiaccio è rotto. Il dialogo fra Morra ed Emanulli è fra due professori. Continua intanto anche STILE ITALIANO : LE ESTATI CANORE ITALIANE RACCONTATE DA MASSIMO EMANUELLI E DAI SUOI OSPTI,la sera del 16 settembre è ospite Nicola Di Bari in una memorabile puntata nel corso della quale il popolae cantante si racconta dalla A alla zeta, alcuni grillini, facendo confusione, invece di ascoltare L’ANGOLO DELLA SCUOLA, in onda alle 18, si sintonizzano alle 21 ed ascoltano STILE ITALIANO. Nella puntata successiva parte l’ironia di Guarnieri-Grillo: “fanculo Emanuelli, smettila di fare casino, interrompi questo cazzo di STILE ITALIANO, ma non so sai che lo stile dei politici italiani è quello di rubare? E poi i miei grillini fanno confusione, invece di leggere il mio blog si sintonizzano sulle vostre webradio, e inece di mandare interrogazioni a Nicola Morra le inviano a Nicola Di Bari”. LE ESTATI CANORE ITALIANE prosegue fino alla fine del mese di settembre, in contemporanea con L’ANGOLO DELLA SCUOLA, con le varie repliche Emanuelli è in onda tre volte al giorno per tutta la settimana.

caccamo%20emanuelliL’ANGOLO DELLA SCUOLA a partire dalla stagione 2013/2014 oltre che su Radio Free va in onda in replica anche su Radio Mare Imperiale, Radio Mare Italia Network, Radio Voghera Servizio Pubblico, Talent Web Radio, Radio Suburbia, Webradioplayz. L’ANGOLO DELLA SCUOLA continua e si trasforma, fermo restando che tutti gli ospiti (famosi e non) partono dai ricordi dei tempi della scuola, in un programma contenitore nel quale le persone si sfogano col conduttore denunciando il non solo iniquità scolastiche ma anche in altri settori. Molti cantanti presentano in anteprima i loro brani, parlando sempre di scuola, in radio Emanuelli non fa il professore ma l’anchor man, chiacchiera in modo ilare con i big della musica, assume invece i panni del prof. bocciando tutti i cantanti emergenti in forte polemica con i diseducativi, talent show: la vita non è un talent show, in Italia abbiamo più cantanti che ascoltatori di canzoni, gli emergenti si credono star e non hanno l’umiltà dei grandi, non sanno parlare di scuola e non sanno nemmeno parlare a livello generale. Unica eccezione Emanuelli la fa per un giovane che si rivolge a lui in maniera educata, formale, umile, il professore ascolta i brani di questo giovane che invita poi a colloquiare su skype. Giovanni racconta la sua storia di vita umana, scolastica e canora, la bocciatura ad un talent, il saperi rialzare, continuare a suonare ma anche a studiare e lavorare. Due interviste con il professore, il giovane pare avere per lui una sorta di timore reverenziale, Emanuelli ne loda le doti umane e canore e poi, profetizza per lui un radioso futuro canoro: tre anni dopo Giovanni Caccamo vincerà il Festival di Sanremo e ringrazierà pubblicamente Massimo Emanuelli.COPERTINA%20NUOVO%20CICLO%20STILE%20ITALIANO

Il 15 ottobre 2013 parte STILE ITALIANO LA STORIA DELLA CANZONE ITALIANA primo ospite Alberto Radius che presenta in anteprima il suo nuovo cd BANCA D’ITALIA.  Radius è indubbiamente uno dei protagonisti della storia della musica leggera italiana, dagli esordi romani alla Formula 3, l’incontro con Lucio Battisti, quindi la militanza in gruppi storici come I Quelli (antenati della Pfm) e Il Volo. Quindi una carriera da solista con ben 15 album, le collaborazioni con Franco Battiato, Loredana Bertè, Alice, Giuni Russo ed altri, oltre 700 brani incisi. Questo ed altro nell’ormai cinquantennale carriera di Radius. Massimo Emanuelli incalzerà Aberto Radius di domande, le farà alla sua maniera, con la formula originale che è risultata vincente con il programma in versione estiva. “E’ un doveroso tributo ad un grande della musica leggera italiana, e poi avendo ascoltato in anteprima BANCA D’ITALIA… sembra fatto apposta, eppure non è vero, l’incontro con Radius è stato casuale – sostiene Emanuelli sorridendo – del resto solo chi è disonesto intellettualmente (e non solo) può negare o tacere sulla situazione politica italiana e sui politici che sostengono la maggioranza di governo”. Massimo Emanuelli conduce le interviste alla sua maniera: con un tono confidenziale, amicale (di molti artisti è amico e conosce alla perfezione tutti i momenti della loro carriera), gli artisti non saranno presentati nella maniera ingessata e sintetica (relegati a pochi minuti) come solitamente vengono presentati sui network, bensì seguiti dai loro esordi fino ai lavori attuali. Non mancheranno le discussioni alle quali il professore e speaker milanese ci ha abituato da anni (con L’ANGOLO DELLA SCUOLA e con STILE ITALIANO), sulla situazione economica e politica dell’Italia e sul futuro non certo roseo, inserzioni comiche di Beppe Grillo imitato da Gianfranco Guarnieri, ma, date le battute e le sinergie – scherza Emanuelli – non è detto che prima o poi intervenga il vero Grillo, con la voce di Gianfranco Guarnieri. Lo stile italiano di Emanuelli si affina, ed è – per sua stessa ammissione e riconoscenza – debitore ad alcuni maestri di giornalismo (e di libertà): Maurizio Seymandi, Gigi Vesigna,  i compianti Gianfranco Funari ed Enzo De Mitri. Gli artisti vengono fatti “scendere dal piedistallo” e chiacchierano con Emanuelli che li presenta ai radioascoltatori come amici di vecchia data. “L’opera forse filantropica – sostiene Emanuelli – è quella di distogliere cento radioascoltatori (di manzoniana memoria, ride….) dai talent show e dai talk show politici che ottenebrano la mente, non vedere Floris, Santoro, Vespa o i talent show è come smettere di fumare.” Fra i primi ospiti del nuovo ciclo di trasmissioni Anselmo Genovese, Gerardo Carmine Gargiulo, Giovanna Nocetti, Umberto Napolitano, Gianni Pettenati, Ryan Paris, Mal, Il Giardino dei Semplici, I New Trolls, Dori Ghezzi, Lighea, Rosario Di Bella, Gigliola Cinquetti, Gianni Nazzaro, Bobby Solo, special per ricordare Mia Martini, Domenico Modugno, Bruno Lauzi, Mino Reitano e Fabrizio De Andrè.

Il 24 ottobre 2013 L’ANGOLO DELLA SCUOLA parte su Movi Radio alle ore 19, Massimo Emanuelli intervista Marco Ancona, responsabile della redazione del programma e la cantante Lighea, la puntata era già stata trasmessa lunedì 21 ottobre da Radio Free che da due anni è l’emittente capofila dell’ANGOLO DELLA SCUOLA, ad un certo punto si ascolta la voce di Beppe Grillo (o di Gianfranco Guarnieri) che interviene per redarguire ironicamente Emanuelli,  Preregistrata e in replica quando ancora non era stato stretto alcun accordo con Movi Radio, la puntata (come le precedenti) ha alcune sinergie con le rivendicazioni degli attivisti del Movimento 5 Stelle, Emanuelli ha accettato lusingato la proposta delle repliche dell’angolo della scuola, e, successivamente di STILE ITALIANO, l’altro suo programma che ricostruisce la storia della canzone italiana intervistandone i suoi protagonisti, e di aiutare le neonata webradio nella sua crescita, ma ha accettato questo nella sua totale indipendenza, da battitore libero pur vicino al Movimento. Alle 20,30 Emanuelli termina la trasmissione e parte Beppe Grillo con una diretta da Trento in occasione delle elezioni regionali. Per i corsi e ricorsi della storia di vichiana memoria ad Emanuelli sembra di tornare a quel lontano febbraio 1977 quando esordì ragazzino e dopo di lui andò in onda Gianfranco Funari.   Il pubblico di Emanuelli (studenti, insegnanti,genitori, personalità del mondo della cultura e dello spettacolo, radioascoltatori) si unisce al pubblico di Movi Radio, tutti abituati e ormai consci che allorquando Emanuelli termina la trasmissione si ascolta la voce di Gianfranco Guarnieri che imita Beppe Grillo, alla fine della puntata dell’angolo della scuola, dopo i saluti finali di Emanuelli, ascolta un’invettiva contro il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, richiesta di impeachment, è la voce di Beppe Grillo, in diretta da Trento, ma qualcuno crede che sia il solito Gianfranco Guarnieri che lo imita…  Nel corso della seconda puntata dell’angolo della scuola, in onda anche su Movi Radio, Emanuelli celebra il ventennale della scomparsa di Federico Fellini, ospiti Francesca Fabbri Fellini (giornalista, già in Rai e a Rtl 102,5, nipote ed unica erede di Federico Fellini), il cantante Ryan Paris (autore de LA DOLCE VITA), e alcune testimonianze di Sergio Zavoli. Dopo avere introdotto Federico Fellini e parlato dei suoi capolavori e della sua vita (Emanuelli ritorna al cinema, il suo primo amore, dopo anni), il professore e giornalista inizia ad intervistare Francesca Fellini sulla scuola e sullo zio, quindi tira fuori a Francesca le cause del mancato rinnovo del suo contratto da parte della Rai: “ma tu pensa, la Rai, non rinnova il contratto alla nipote di Fellini, mentre lo rinnova a Floris” è la voce di Gianfranco Guarnieri, ascoltata, a quanto pare, dallo stesso Grillo. Interviene quindi il cantante Ryan Paris (nome d’arte di Fabio Roscioli, romano de Roma) che vive dal 1994 in Germania. Dopo avere parlato dei suoi successi mondiali e dei suoi incontri occasionali con Federico Fellini, Paris viene interrogato da Emanuelli sulle notizie che arrivano in Germania sul nostro Paese. Ryan Paris risponde: “guardo distrattamente e per sbaglio i tg italiani, mio figlio mi fa seguire solo il calcio, però quando guardo qualche tg sembra che in Italia tutto funzioni, invece quando ascolto Emanuelli in radio o leggo il blog di Beppe Grillo pare che nulla funzioni in Italia, i casi sono due: o mentono i tg, o mentono Grillo ed Emanuelli.”  Massimo Emanuelli preannuncia alcuni scoop nelle successive puntate: come alcuni giornalisti de La Repubblica sbaglino nel formulare domande inviate da alcuni docenti al ministro Carrozza presente in videoconferenza, o come per adulare il ministro gli stessi giornalisti non leggono le domande scomode;  il caso Grillo perchè fu cacciato dalla Rai per la famosa battuta sui socialisti?  Esistono tante versioni c’è quella di Grillo (che Emanuelli spera di intervistare, impresa ardua visto che Grillo non parla coi giornalisti italiani) e anche un’inedita che potrebbe coincidere con la versione di Grillo, un ex potente di allora (oggi fuori dalla politica a differenza di coloro che con disinvoltura si sono riciclati nel Pd o nel Pdl) ammetterà l’errore sul caso Grillo.

L’1 dicembre 2013 Massimo Emanuelli è al terzo V Day in quel di Genova e realizza per Movi Radio una serie di interviste (al prof.Paolo Becchi, al giornalista Andrea Scanzi, al presidente della Commissione di Vigilanza Roberto Fico, a parlamentari ed attivisti del Movimento 5 Stelle) che vengono mandate in onda sulla radio vicina al Movimento di Grillo

Con l’inverno 2013 parte su Movi Radio una terza trasmissione: DOMANDATELO A GRILLO, AD EMANUELLI E A GUARNIERI, una rubrica a metà strada fra i programmi FAMO PARLA’ A GGENTE (che fu di Gianfranco Funari in quel di Radio Ambrosiana) e il DOMANDALO A GRILLO ed IL GRILLO PARLANTE di Beppe Grillo in onda rispettivamente su Radio Montecarlo ed Elefante Tv, i radioascoltatori intervengono telefonicamente e si sfogano con il professore milanese e denuciano soprusi, angherie, malfunzione e smantellamento di servizi pubblici, soprusi e ruberie dei politici, per sdrammatizzare la situazione interviene Gianfranco Guarnieri (naturalmente con la voce di Beppe Grillo) facendo alcune battute, momenti di denuncia sociale si alternano a momenti di comicità.

Il 25 gennaio 2014 presso l’aula Magna del Liceo Manzoni di Milano si svolge la I edizione del Premio Stile Italiano, abbinato all’omonima trasmissione radiofonica ideata e condotta dal professore milanese. Vince Toni Santagata, al quale viene conferito un quadro del famosissimo Maestro Michele Giannattasio, attestati di benemerenza quali “ambasciatori nel mondo della canzone italiana” per Claudio Natili dei Romans, Anselmo Genovese, Umberto Napolitano e Gerardo Carmine Gargiulo. Nicola Di Bari, Gianni Drudi ed altri artisti, impossibilitati a presenziare a causa di impegni discografici, hanno inviato un saluto.  Visto il successo della prima edizione il premio STILE ITALIANO proseguirà, anche la trasmissione radiofonica si amplierà dalla storia della musica a quella del cinema, del teatro, dell’arte figurativa, lo “stile italiano” apprezzato nel mondo, bistrattato in Patria, va rivalutato in un momento di crisi.

25 GENNAIO 2014 AULA MAGNA DEL LICEO MANZONI DI MILANO FINALE DELLA I EDIZIONE DEL PREMIO STILE ITALIANO: MASSIMO EMANUELLI ANNUNCIA UMBERTO NAPOLITANO, AMBASCIATORE DELLA MUSICA ITALIANA NEL MONDO, CHE SI ESIBISCE IN VOLERO’. TONI SANTAGATA (VINCITORE DELLA PRIMA EDIZIONE DEL PREMIO STILE ITALIANO) VIENE PREMIATO DA CLAUDIO GIANNATTASIO CON QUADRO DEL FAMOSISSIMO MAESTRO MICHELE GIANNATTASIO, MASSIMO EMANUELLI E FRANCO NISI, DIRETTORE DI RADIO ITALIA SOLO MUSICA ITALIANA, FRANCO NISI E TONI SANTAGATA.

molica%20santagata

TONI SANTAGATA SI ESIBISCE DAL VIVO CON SOLA CHITARRA DURANTE LA FINALE DELLA PRIMA EDIZIONE DEL PREMIO STILE ITALIANO, I ROMANS AMBASCIATORI DELLA MUSICA ITALIANA NEL MONDO.

romans%20emanuelli%20radio%20amoreFOTO DI GRUPPO: LO STAFF DI RADIO AMORE CAMPANIA, I ROMANS, TONI SANTAGATA, GERARDO CARMINE GARGIULO, FRANCO NISI, UMBERTO NAPOLITANO, MASSIMO EMANUELLI, GIANFRANCO GUARNIERI. PRIMA EDIZIONE PREMIO STILE ITALIANO.

Il programma radiofonico STILE ITALIANO LA STORIA DELLA CANZONE ITALIANA RACCONTATA DAI SUOI PROTAGONISTI è ormai un appuntamento fisso (come lo è da anni L’ANGOLO DELLA SCUOLA) ogni settimana Emanuelli intervista i cantanti in maniera confidenziale ed amicale e ricostruisce la loro carriera e la storia d’Italia attraverso aneddoti, curiosità ed episodi poco conosciuti, fra gli ultimi intervistati Paki Canzi dei Nuovi Angeli, Mal dei Primitives, I fratelli La Bionda, Don Backy, Dori Ghezzi, Dario Baldan Bembo, Luciano Liguori del Giardino dei Semplici.

MASSIMO EMANUELLI E MAURIZIO SEYMANDI A RCB NELL’AMBITO DEL PROGRAMMA R COME RADIO

   MASSIMO EMANUELLI E SERGIO ZAVOLI

Massimo Emanuelli è stato ed è consulente aziendale nel settore della comunicazione, è stato membro del consiglio di amministrazione dell’Ipab Scuola Professionale Femminile Laura Solera Mantegazza, la più antica scuola di Milano, in qualità di rappresentante del Comune di Milano, e membro del consiglio direttivo dell’Istituto Superiore di Sociologia in qualità di rappresentante della Provincia di Milano, nonchè membro del consiglio dell’Associazione per I Giovani e gli Anziani sempre in qualità di rappresentante del Comune di Milano.

Ed Emanuelli professore?  Questa è un’alta storia, un altro percorso. Fin da quando era un bambino (iniziò precocemente a portare gli occhiali) venne soprannominato “il professore” anche per la sua passione per la lettura. Giovane insegnante, ha poi cambiato diverse scuole a causa della precarietà del sistema scolastico italiano. E comunque di tale precarietà, della quale si vanta, ha fatto tesoro, ha praticamente insegnato in tutte le scuole di ogni ordine grado, eccezion fatta per l’asilo. In quasi venticinque anni di attività come docente Emanuelli ha cambiato parecchi istituti, parecchi allievi, per tutti è sempre “il professore”. Massimo Emanuelli ha insegnato storia dello spettacolo (spaziando dalla musica, alla radio, alla televisione, dal cinema al teatro), pedagogie delle differenze (occupandosi di intercultura e studenti diversamente abili), italiano, storia, geografia, teoria e tecnica della comunicazione, è stato coordinatore (e coordina) progetti di integrazione scolastica e laboratori artistici e creativi all’interno di diversi istituti.

Emanuelli scrittore?  Altra storia.  Ha pubblicato diversi libri per conto della Greco & Greco Editori, ricordiamo STORIA DEL SOCIALISMO ITALIANO (1892-1992), CENT’ANNI DI STORIA ITALIANA ATTRAVERSO IL CINEMA, ACCADDE A MILANO: NOTIZIE PERSONAGGI E SINDACI DAL DOPOGUERRA AD OGGI (1945-2002), IL SUO NOME ERA GIORGIO GABER: STORIA DEL SIGNOR G, 50 ANNI STORIA ITALIANA ATTRAVERSO LA TELEVISIONE, L’ITALIA IN PIAZZA CON ROBERTO POLETTI (il primo libro contro la casta uscito, seppur in maniera clandestina e con un piccolo editore, prima dello stupendo libro di Stella e Rizzo e delle invettive di Beppe Grillo), GIANFRANCO FUNARI IL GIORNALAIO PIU’ FAMOSO D’ITALIA.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Fra le personalità intervistate nel corso degli anni da Massimo Emanuelli ricordiamo: Enrico Beruschi, Cesare Cadeo, Silvio Berlusconi, Walter Veltroni, Sergio Zavoli, Elda Lanza, Giorgio Gaber, Massimo Boldi, Gianfranco Funari, Enrico Ruggeri, Luciano Ligabue, l’imprenditore Ernesto Pellegrini, Gino Paoli, Don Luigi Ciotti, Stefano Benni, Giorgio Faletti, Piero Mazzarella, Stefano Zecchi, Nicola di Bari, Ivan Cattaneo, Mario Tessuto, Nico Fidenco, Tony Santagata, Dori Ghezzi, Dario Fo, Franco Abruzzo (allora Presidente Ordine dei giornalisti della Regione Lombardia), Paolo Pirovano (attuale segretario nazionale Ordine dei giornalisti), Massimo De Luca MASSIMO%20-%20DON%20CIOTTI(direttore Rai Sport), i Sindaci di Milano da Aldo Aniasi a Giuliano Pisapia, e tutti i grandi della canzone italiana, nonchè mille piccoli imprenditori radiotelevisivi, speaker radiofonici, giornalisti di radio e tv locali, milanesi di nascita e di adozione del mondo dell’imprenditoria, della scuola, dell’Università e dello spettacolo. Massimo Emanuelli è considerato dagli addetti ai lavori uno dei maggiori esperti italiani di radio e tv locali e della loro storia.

Dal gennaio 2015 Massimo Emanuelli approda anche su Radio Uno New York, la radio degli italio-americani negli Usa che manda in onda le sue interviste ai cantanti che hanno fatto la storia della musica leggera italiana.

STILE%20ITALIANO%20RADIO%20UNO%20NEW%20YORK

Si tratta di un punto di partenza perchè con Tino Maiolo, direttore dell’emittente newyorkese, prepareremo una versione americana di STILE ITALIANO, sarà un mix dei format storici del professore: la musica, la cultura, l’istruzione, il cinema, il teatro e il mondo del volontariato italiano approderanno in America e lo stile italiano, con i nostri grandi scrittori, cantanti, artisti, nonchè coi docenti, gli studenti, i diversamente abili, parleranno  agli italiani d’America. Interviste anche agli italo-americani residenti a New York e negli States.

Dal 2 febbraio al 14 febbraio 2015 Massimo Emanuelli conduce con Mirtilla Napoletano di Radio Free Station PERCHE’ SANREMO E’ SANREMO – CANTANDO SANREMO storia d’Italia (e del Festival) dal 1951 al 2015, da Enrico De Nicola, Alcide De Gasperi e Nilla Pizzi, a Sergio Mattarella, Matteo Renzi e Marco Mengoni.  In interconnessione con 13 emittenti web viene riproposta la storia italiana con interviste ai cantanti che hanno fatto la storia di Sanremo, a giornalisti, testimoni degli anni passati. Spazio anche all’attualità con interviste ai cantanti in gara nell’edizione 2015 e i soliti pronostici sul vincitore. Continua intanto L’ANGOLO DELLA SCUOLA con ospiti del calibro di Don Luigi Ciotti, Tony Saccucci (insegnante e giornalista di Metro), la denuncia del genitore di uno studente aggredito fuori da una scuola milanese, Emanuelli dà voce ai cittadini, crea un’asse scuola nazionale (ed internazionale con gli italo-americani) crea di fatto, grazie alla redattrice e co-conduttrice Marika Cassimatis, una redazione ligure. Giornalisti genovesi, cantanti liguri, ascoltatori della Regione con Marika Cassimatis creano una sorta di Zibaldone fra la scuola (con le problematiche che vi sono) e il Festival della canzone, le nuove proposte vengono intervistate ed interrogate da Emanuelli, torna Giovanni Caccamo, già ospite de L’ANGOLO DELLA SCUOLA ed uno dei probabili vincitori della manifestazione.

A partire dal mese di febbraio del 2015, dopo un incontro del professore e giornalista milanese con Don Luigi Ciotti che concede un’intervista ad Emanuelli nell’aula magna dell’Istituto Omnicomprensivo di Corsico, di un’altra intervista con il collega romano Tony Saccucci e con Alberto Salerno, produttore discografico, nonchè di un accordo con l’Associazione In Mente Onlus, nascono alcune rubriche all’interno de L’ANGOLO DELLA SCUOLA, la trasmissione si arricchirà di nuovi contenuti.

Il 28 fbbraio 2015 muore Gigi Vesigna, per Emanuelli un maestro di giornalismo (e di vita) una sorta di secondo padre, un amico, l’aveva conosciuto ragazzino allorquando, mascotte di una radio locale, andò nella sede di Tv Sorrisi e Canzoni per consegnare l’adesivo dell’emittente, lo vedeva poi spesso adolescente poichè abitava nella stessa zona di Vesigna che poi Emanuelli ritrova neolaureato. fu proprio Vesigna a convincere un giovane neolaureato Emanuelli a scrivere una storia di Tv Sorrisi e Canzoni passando ore nell’archivio del giornale, sempre Vesigna consigliò ad Emanuelli di continuare a leggere e ad occuparsi di storia e di letteratura, ma anche di occuparsi di radio e tv locali, settore nel quale operava (ed opera), presentando le varie emittenti con i propri palinsesti, conduttori, editori, curando censimenti e facendone la storia. Se Emanuelli è oggi considerato il massimo esperto di tv e radio locali e web che abbiano in Italia (la battuta è di Massimo Boldi, il quale, in occasione di uno dei compleanni di Antenna 3 Lombardia disse: “Emanuelli è il massimo esperto, è Massimo Magro, perchè si chiama Massimo e perchè queste emittenti sfigate le segue solo lui in Italia”) lo deve a Gigi Vesigna. Emanuelli è fra i primi a sapere la tragica notizia ma scrive un ricordo dell’amico su Millecanali dopo circa una settimana

Nell’aprile 2015 parte IN CANTO un nuovo format radiofonico realizzato in collaborazione con la Cooperativa Sociale In Mente Onluss, IN CANTO nasce per reazione ai talent show, considerati diseducativi e illusori, la trasmissione metterà a confronto una persona famosa affermata (giornalista, imitatore, cantante, attore, dj, imprenditore, sportivo, giornalista sportivo, ecc) con emergenti.

IN%20CANTO

COME GIORNALISTA HA COLLABORATO CON:

RADIO: RADIO STRAMILANO, RADIO MONTESTELLA, RADIO CITY, RADIO AMBROSIANA, RADIO VILLAGE, RADIO MILANO PALMANOVA, RADIO PLANET, CIRCUITO MARCONI (network della Curia di Milano), RADIO HINTERLAND BINASCO, RADIO CITTA’ BOLLATE, RADIO DEI NAVIGLI, RADIO BLABLA (www.radioblabla.net) ED ALTRE WEBRADIO.

CARTA STAMPATA: LA NOTTE, L’AVANTI!, L’INDIPENDENTE, IL GIORNO, L’OPINIONE DELLE LIBERTA’, MILLECANALI.

TV: Maurizio Seymandi (SUPERCLASSIFICA SHOW, Canale5), Roberto Marelli (STORIE DI LOMBARDIA, Telenova), TELENOVA (Mestieri Artigiani, autore e conduttore)

COME DOCENTE HA COLLABORATO CON:

Acist Lombardia

Enfap

Università Statale di Milano

Università Bicocca di Milano

Enaip Lombardia

Civiche Scuole Comune di Milano

Civico Istituto Carlo Cattaneo (ragionieri e geometri)

Istituto Don Gnocchi

Accademia della Comunicazione

Istituto Professionale di Stato per l’industria e l’artigianato di Cernusco sul Naviglio

Liceo della Comunicazione Leonardo da Vinci Milano

Istituto d’Istruzione Secondaria Superiore Augusto Righi Corsico

Itc Marie Curie – Sraffa

Istituto Professionale di Stato per l’Industria e l’artigianato Cesare Correnti di Milano

Civica Scuola Alessandro Manzoni di Milano

Istituto Professionale Galileo Ferraris di Milano

Istituto Professionale per il Turismo Luigi Vittorio Bertarelli Milano

Scuola Media Rinascita

Istituto Tecnico per il Turismo Artemisia Gentileschi

Istituto Professionale di Stato per l’industria e l’artigianato Ercole Marelli

Liceo Scientifico Guglielmo Marconi

Liceo Scientifico Gerolamo Cardano

Ipsia Rosa Luxembourg,

Itc Giovanni Falcone Corsico

Liceo Augusto Righi Corsico

Istituto Paritario Sigmund Freud Milano

Itc Falck Sesto San Giovanni

 

KONICA MINOLTA DIGITAL CAMERA

II CONCORSO TAZZINETTA BENEFICA (EDIZIONE 2006) PER LE SCUOLE DI MILANO E PROVINCIA, MASSIMO EMANUELLI A PALAZZO MARINO (SEDE DEL COMUNE DI MILANO) CON MATTEO FERNANDO GILDONE (FONDATORE DI RADIO MILANO PALMANOVA E ATTUALE PRESIDENTE DELL’ASSOCIAZIONE TAZZINETTA BENEFICA, LA PIU’ ANTICA ASSOCIAZIONE DI MILANO).

MASSIMO%20EMANUELLI%20PAOLO%20LUNGHI%20TORINO%20VIA%20ETERE

FIERA DEL LIBRO DI TORINO MAGGIO 2007 MASSIMO EMANUELLI CON PAOLO LUNGHI (AUTORE DEL LIBRO VIA ETERE 30 ANNI DI RADIO) CON ALESSANDRA ULIVIERI E L’ONOREVOLE TANA DE ZULUETA.

teleliberta marcotti franzini.f

GIUGNO 2007 MASSIMO EMANUELLI IN VISITA A TELELIBERTA’ DI PIACENZA, NELLA FOTO IN CENTRO EMANUELLI E’ CON GIORGIO BETTI, JUNIOR, FIGLIO DEL FONDATORE DI TELELIBERTA’.

MASSIMO%20EMANUELLI%202007%20MILLECANALI%20CON%20VESIGNA

LUGLIO – SETTEMBRE 2007:  MASSIMO EMANUELLI  NELLA REDAZIONE DI MILLECANALI, CON MAURO ROFFI, GIGI VESIGNA, MAURIZIO SEYMANDI, PINO CALLA’ E ALCUNI COLLABORATORI DI QUESTA STORICA TESTATA.

23.11.2007 GIORGIO AIAZZONE L’UOMO DEL FARE

VIDEO

ALDO%20GRASSO,%20PINO%20FRISOLI,%20MASSIMO%20EMANELLLI,%20GIANCARLO%20PADOVAN

21 APRILE 2008 LIBRERIA DELLO SPORT DI MILANO

PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI PINO FRISOLI LA TV PER SPORT

ALDO GRASSO, PINO FRISOLI, MASSIMO EMANUELLI E GIANCARLO PADOVAN.

INTERVISTA DI MASSIMO EMANUELLI A PINO FRISOLI.

http://www.youtube.com/watch?v=hgmpiWnVf8A

16 MARZO 2009

LIBRERIA MONDADORI DI VIALE MARGHERA (MILANO)

PRESENTAZIONE DEL LIBRO GIANFRANCO FUNARI IL GIORNALAIO PIU’ FAMOSO D’ITALIA

massimo%20EMANUELLI%20ANTENNA%203%20TOSCANAMASSIMO EMANUELLI AD ANTENNA 3 TOSCANA

http://antenna3.blogspot.com/2009/04/massimo-emanuelli-presenta-il-libro-su.html

MASSIMO EMANUELLI INTERVISTATO DA VIVALARADIONETWORK

http://www.youtube.com/watch?v=c_CecKaqvD4

24 e 25 LUGLIO 2010 V EDIZIONE DEL MEETING NAZIONALE DELLA RADIOFONIA DEEJAY SOTTO LE STELLE

FOTO DI GRUPPO DEI PREMIATI (MARCO BALDINI, PAOLO LUNGHI, ANTONIO MANCINI DI RADIO VATICANA, MASSIMO EMANUELLI, CON TONINO LUPPINO, ORGANIZZATORE DEL MEETING) E LE ISTITUZIONI LOCALI.

MASSIMO EMANUELLI RICEVE L’OSCAR DELLA RADIO

——————————————————————-

MASSIMO EMANUELLI A TEF CHANNEL (Perugia), RTV SAN MARINO, TELE 4 (Trieste)

MASSIMO EMANUELLI A TELELIBERTA’ PIACENZA CON GIORGIO BETTI JUNIOR, FIGLIO DI GIORGIO BETTI FONDATORE DELL’EMITTENTE

MASSIMO EMANUELLI A TELEMOLISE E A RADIO LUNA NETWORK

MASSIMO EMANUELLI A RADIO AZZURRA SAN BENEDETTO DEL TRONTO E CON IL RE DEL LISCIO RAOUL CASADEI

RADIOBLABLA BITMANIA programma condotto da Ivano Moro e MikcY Micheli, ascolta la puntata con ospite Massimo Emanuelli UN MICROFONO SEMPRE APERTO La storia della radio a cura di Davide Camera e Massimo Emanuelli

ALCUNI LIBRI SCRITTI DA MASSIMO EMANUELLI

I LIBRI DI MASSIMO EMANUELLI SONO EDITI DALLA GRECO & GRECO EDITORI DI MILANO

www.grecoegrecoeditori.it

MASSIMO EMANUELLI E’ AUTORE DELLE PREFAZIONI DEI VOLUMI DI DAVIDE CAMERA MEZZOBUSTO DI PROVINCIA (L’INFORMAZIONE RADIOTELEVISIVA LOCALE NEGLI ANNI ’90) E DI MICHELE COCCIOLI VOLARE D’INFINITO CANTO (OMAGGIO A DOMENICO MODUGNO).

Nel 2015 contribuisce a “Panta Agenda Marchesi”, omaggio letterario all’ironia di Marcello Marchesi, poliedrico scrittore, umorista e giocoliere della parola, innovatore sui giornali e in televisione, alla radio e al cinema, nei libri come nella creatività pubblicitaria. Opera alla quale hanno dato il loro contributo:  Alessio Accardo, Renzo Arbore, Mariarosa Bastianelli, Pippo Baudo, Enrico Bertolino, Gianfranco Bettetini, Gianni Bongioanni, Bruno Bozzetto, Roberto Brivio, Mario Cervi, Guido Clericetti, Guido Cornara, Antonio Costa, Maurizio Costanzo, Vanna De Angelis, Raffaele De Berti, Marisa Del Frate, Steve Della Casa, Francesca De Santi, Antonio D’Orrico, Umberto Eco, Gino & Michele, Marco Giovannini, Michele Guardì, Tony Laudadio, Filippo La Porta, Claudio Loi, Marcello Marchesi, Massimo Marchesi, Maria Luisa Marcili, Miti Mattoli, Delfina Metz, Vito Molinari, Franco Monteleone, Andrea Muratori, Giovanni Nahmias, Gustavo Palazio, Piersandro Pallavicini, Lino Patruno, Pino Peserico, Raffaele Pisu, Cochi Pozzoni, Renzo Puntoni, Michele Sancisi, Tatti Sanguineti, Ettore Scola, Maurizio Seymandi, Elisabetta Sgarbi, Antonio Valerio Spera, Nanni Svampa, Italo Terzoli, Franco Tettamanti, Gianni Turchetta, Enrico Vaime, Enrico Vanzina, Paolo Villaggio.

Massimo Emanuelli - Panta Agenda Marchesi

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...