Radio Quattro

RADIO QUATTRO

L’emittente nasce nel 1975 a Castelfranco di Sotto (Pisa) con la denominazione di Radio Pisa, per iniziativa di Franco e Remo Bolognesi, Liliana Martinelli, Roberto Maccani, Marilena Bolognesi (in arte Marilena Berti), Giacomo Benedetti, Franco Marmeggi. Nel 1977 per uscire dal campanilismo viene assunta la denominazione di Radio Quattro potenziata ed ampliata, sede in via Leonardo da Vinci 36, l’emittente si pone di fatto dietro le tre reti Rai con un palinsesto di programmi molto professionali. L’idea è di Riccardo Heinen, ex speaker di RMC, direttore artistico dell’emittente pisana. C’è Radio Uno, c’è Radio Due, sarebbe arrivata Radio Tre, così la proprietà sceglie di anticipare i tempi e passa al quattro. Quella è davvero la svolta. La radio diventa leader mentre altre nascono a frotte e muoiono dopo una breve stagione. Il segreto del successo programmi nuovissimi che sarebbero diventati i momenti cult di tutte le radio d’Italia e mezzo mondo dello spettacolo passato dai microfoni di questa realtà, come conduttori o come ospiti. Maurizio Bolognesi, giovanissimo nipote dei “magici fratelli”, è l’ideatore del programma della domenica pomeriggio, quello cioè che da trent’anni segue tutti i campionati (e non solo) calcistici ed è sulla cresta dell’onda. Il segreto del successo sono programmi nuovissimi che diventeranno i momenti cult di tutte le radio d’Italia, con mezzo mondo dello spettacolo passato dai microfoni di Pisa come conduttori o come ospiti. Arrivano: Denis Monti, Grazia Bernini, Massimo Boldino, Patrizia Pancaldi, Erio Nobili (Chary Sanguemisto), Riccardo Cioni, Brunella Dini, Michele Lopez, Sonia Pepe, Roberto Ferrari, Enrico Ricci, Jerry, Claudio Sottili, Marina Santi, Adriano Frediani, Gabriel Nanni, Massimo Coveri, Carlo Conti, Gianni Giannini, Gianfranco D’Onofrio, Barbara Condorelli, Desirée Consuelo, Alex Simoni, Sabrina Rossi, Ombretta Guidi, Daniela Calandri, Mauro Micheloni. Molti di questi nomi hanno segnato una vera e propria epoca. Fare una cronistoria di tutti i nomi registrati da questa emittente è praticamente impossibile. Basta pensare ad un nome qualsiasi dei grandi artisti italiani (e non solo) e non si corre in errore: è stato sicuramente a Radio Quattro. Molti di questi grandi ricordano con piacere questa realtà. Andrea Bocelli ha detto: “Se ripenso ai miei inizi, mi ricordo di quando ero un cantante di piano bar pressochè sconosciuto e andai a Radio Quattro con il mio primo vinile che avevo appena realizzato. Era il 1982, il disco s’intitolava “Amico mio” e loro lo programmarono immediatamente facendomi così conoscere ed ascoltare all’intera regione”.

Nel 1986 nasce anche una seconda stazione, Radio Quattro Rete II, composto da solo musica ed informazioni sulla frequenza 102.100 MHz, con trasmettitori da Monte Serra per la copertura delle zone di Pisa e Livorno e da Monte Albano (Firenze) per l’area di Empoli, Castelfiorentino e Certaldo.

A Radio Quattro  deve la prima vera e propria trasmissione minuto per minuto dai campi toscani, realizzata da una serie di collaboratori che rispetto quelli delle altre radio hanno una marcia in più. Il segnale molto forte e chiaro giunge da sempre in tutta la regione, sconfinando in quelle vicine.  Altri programmi: “Buon pomeriggio Toscana”; “Danzoterapia”; “Stasera che sera”. L’emittente minore si trasforma poi in Radio Quattro Italia e continua a trasmettere fino alla metà del nuovo millennio, quando cede la sua frequenza. Gli anni ’90 e la legge Mammì non fanno paura alla grande emittente, che utilizza ben 13 trasmettitori per diffondere il segnale, tanto che nel 1994 riceve regolarmente la concessione. Nel 2000 compie venticinque anni e racconta gli anni raggiunti e la sua magica storia nel libro “Era il 1975… 25 anni di radio”, scritto da Maurizio Bolognesi per conto della Marinari editore.

Tra i collaboratori: Marco Bresciani, Fabio Carrara, Stefano Bini, Eleonora Di Miele. Le frequenze: 102 Mhz per la Versilia, 102.100 per Firenze, 102.850 per Arezzo. Nella ricorrenza dei venticinque anni di fondazione dell’emittente (2000) è stato realizzato un libro “Era il 1975” della Marinari editore.  Dal 1995 responsabile è Romolo Bolognesi. Negli anni ’90 l’emittente viene sdoppiata con una seconda rete chiamata Radio Quattro 2A Rete (specializzata in musica italiana), chiamata successivamente Radio Quattro Italia.  Radio Quattro è  nota per i suoi collegamenti notturni con le migliori discoteche della città, al timone della radio c’è M.Brodolero, la programmazione è incentrata su musica, notizie, sport, attualità, spettacolo e cultura.  Nel 2003 avviene la fusione con l’emittente modenese Radio BrunoOggi Radio Bruno Toscana è diretta da Marilena Bolognesi, ed è la “radio dei due mari” grazie alla partnership con Radio Bruno, leader sulla riviera adriatica, la radio dove e stato girato il film “Radiofreccia”, uno spaccato di storia sulla nascita e la vita delle  emittenti radio libere italiane. 

ALTRE RADIO DELLA REGIONE TOSCANA

Un commento

  1. Io l,ascoltavo a Ventimiglia imperia erano le sole radio che arrivavano dalla toscana radio 4 e radio Pisa international grazie alla mia antenna esterna a 2 elementi mi piacevano i programmi e le canzoni che passavano e vero che adesso si chiama radio bruno.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...