Censimento delle radio libere della Campania

Provincia di Napoli

RADIO ONDE SAN PAOLINO / RADIO NOLA CITY

RADIO ANTENNA CAMPANA: emittente fondata nel 1975, irradiava i suoi programmi dai 93,900 mhz, nel 1993 ha ceduto le sue frequenze a Radio Nola City che però ha mantenuto la denominazione di Radio Antenna Campana, emittente tuttora in attività.

RADIO SAN PAOLINO: Si tratta della prima emittente radiofonica privata italiana, nasce infatti nel 1971 a Nola (Napoli) per iniziativa di Tony Napoletano e del tecnico Capezzuto. Trasmette in onde medie sui 98.500 4 ore al giorno musica folkoristica e canzoni napoletane. Lo studio è composto da una piastra, un vecchio registratore e un microfono da pochi soldi. La prima radio libera italiana diventa un caso nazionale tanto che la stampa si occupa dell’impresa. Nel 1973 cambia nome e diventa Radio Nola City.,

RADIO X:¬†emittente di Napoli fondata da¬†Pietrangelo Gregorio¬†di¬†Telenapoli – TeleDiffusione Italiana, inizi√≤ a trasmettere nel 1974 dai 94,200 mhz. La X stava per “incognita” o “anonima”. Approfittando della posizione strategica della sua abitazione (sulla sommit√† di San Martino) il Gregorio install√≤ gli studi ed il trasmettitore. Prese due brave presentatrici, Rossana Della Valle e la signora Flora, e diede vita all’emittente. Nonostante la radio avesse la funzione “civetta” guadagn√≤ molti ascoltatori. Successivamente la sede venne spostata negli studi di¬†Canale 21, scegliendo per la direzione e la gestione giornalistica Alfonso De Blasi che accoppiava alla buona preparazione artistica ottime doti di organizzazione e, soprattutto, un innato entusiasmo verso ogni iniziativa. Grazie ad Alfonso De Blase Radio X assunse un’importanza naturale nel settore delle trasmissioni radiofoniche e per molti anni risult√≤ fra le prime classificate per l’originalit√† dei programmi. A Radio X ebbero il battesimo molti artisti divenuti poi famosi, come il gruppo dei Parlone, Antonello Rondi, il barone Fef√®, Antonio Cacugna. A Radio X esord√¨ anche la dottoressa¬†Alma Manuela Tirone, futura mattatrice di¬†Canale 21¬†e di altre televisioni private italiane.

RADIO NAPOLI PRIMA

RADIO KISS KISS

RADIO MARTE STEREO

RADIO NAPOLI CITY

RADIO MED

RADIO AMORE

RADIO PALEPOLI:¬†l’emittente nasce il 15 dicembre 1975 a Soccavo con la denominazione di Radio Alternativa Paleopoli per iniziativa di Antonio Romano, trasmetteva dalla Loggetta, oggi si √® trasformata in¬†Radio Amore.

RADIO COSMO: emittente di Napoli affiliata al circuito Top Italia Radio. 

RADIO KOLBE:¬†emittente comunitaria dell’Associazione Provincia di Napoli dell’Ordine dei Frati Minori Conventuali.

RADIO SFOGLIARELLA: emittente nata nel 1976.

RADIO BIANCA NEVE: emittente nata nel 1976.

RADIO AZZURRA

RADIO MB INTERNATIONAL

RADIO IBIZA

RADIO CLUB CALIFORNIA

RADIO QUARTIERI SOUND

RADIO ARCI:¬†FM 88.100 MHz nasce nel 1977 a Saviano (Napoli) per mezzo di un folto gruppo di amici: Franco Mirra (oggi affermato musicista e direttore di “Radio Napoli Emme”, “Radio Saviano”), Carmine De Rosa (oggi tecnico Rai), i f.lli Palotti, Emanuele Aievola, Franco Simeri (oggi nello staff di Radio¬†Kiss Kiss). Presidente √® Claudio Strocchia, direttore della radio Nicola Strocchia. Nel 1992 la radio interrompe le trasmissioni. Nel 2006 i vecchi membri dell‚Äôassociazione e nuovi ragazzi associati presieduti da Francesco Strocchia decidono di far rinascere l‚Äôemittente, ma questa volta sul web. L‚Äôiniziativa venne suggellata da una manifestazione sui mezzi di comunicazione, ‚ÄúIrradiARCI. Propone un ricco palinsesto fatto di intrattenimento e tanta buona musica. Dal marzo 2009 presidente di Radio ARCI √® Enzo Mauro.¬†Quest‚Äôultimo ed altri dieci soci, addetti a varie mansioni e tematiche, costituiscono l‚Äôattuale direttivo.

RADIO NAPOLI EMME: emittente fondata da Franco Mirra

RADIO OLIMPIA:¬†emittente fondata dal cantante¬†Mario Abbate¬†e da Sante Marsili, sede in via Pigna a Napoli,¬†fra i suoi obiettivi vi era quello di diffondere la musica napoletana, fra i collaboratori le sorelle Poli, il futuro cantante napoletano Luciano Capurro, il comico Pasquale Lazzari, frequenta Radio Olimpia¬†Pino Daniele¬†che propone¬†Che calore,¬†che era anche la sigla di un programma di cucina. Radio Olimpia cess√≤ di esistere all’inizio degli anni ’80.

RADIO CRC TARGATO ITALIA

RADIO QUALIANO:¬†emittente di Qualiano fondata nel 1975 da Franco Romano, fra gli altri pionieri Enzo Di Mauro e Giovanni Chianese, sede a Napoli, mhz 100,50.¬† Nel 1978 assume la denominazione di Radio Napoli Nord, la sede viene trasferita a Marano. All’inizio degli anni ’80 si trasforma in Centro Diffusione Campania,¬†una sorta di network di radio locali consociate che trasmettono i migliori programmi di produzione in un’unica rete. Nel 1990 diventa¬†CRC targato Italia¬†con musica italiana 24 ore.

RADIO MONTE DI PROCIDA SOUND:¬†emittente nata alla fine degli anni ’70 che trasmetteva dal Monte Procida (da qui il nome) sui 90,200 mhz

RADIO MONTE GRILLO: Monte di Procida, Pozzuoli (Napoli)

RADIO SERAPIDE:¬†nasce in una roulotte posta in corso Terracciano a Puozzuoli (Napoli) nel corso dl 1976 per mezzo di Walter Bisogni ed altri soci, tra questi Gino Conte (poi proprietario di Primaradio), sulle ceneri di Radio Andromeda. Trasmette per i Campi Flergrei con il ripetitore sulla Solfatara. Ben presto cambia sede, prima in via Pergolesi e poi ad Arco Felice. Chiude ben presto per motivi economici. Ricorda Bisogni: “Dopo qualche tempo acquisii, con altri soci, Radio Serapide. Fu un successo. La prima sede in una roulotte in corso Terracciano, poi in via Pergolesi e poi ad Arco Felice. Con il bradisismo trasmettevo da una roulotte sul lago d’Averno e poi a Toiano fino alla legge che regolamentava il settore nel 1990: mi avevano dato la licenza, ma continuare non era sostenibile economicamente. Il ripetitore era installato sulla Solfatara ed ero l’unico in zona ad avere una macchina per inserire automaticamente lw musicassette. Oggi ci sono sostanziali differenze. Con i social network si arriva ad un pubblico di livello medio alto, perch√® non tutti usano un computer. Con la radio si arriva anche ad un livello medio e basso. Chiaro che ci sono delle eccezioni. Ma generalmente √® cos√¨. La radio abbraccia tutte le fasce mentre per esempio Facebook solo il blocco di riferimento, cio√® la rete di relazione che si ha. Un esempio? Quando in radio facevamo i programmi per i bambini partecipavano tutti. Cos√¨ come per i quiz; erano destinati ad un pubblico adulto, per√≤ anche i bimbi partecipavano. A proposito: si dice che sia stata Raffaella Carr√† ad inventare il gioco per cui bisognava indovinare il numero esatto dei fagioli nel barattolo. E’ sbagliato, si tratta di un gioco che √® nato e si ‘ diffuso con le radio libere ed √® stato successivamente adottato dalle televisioni. La gente partecipava attivamente alle trasmissioni. E quindi le radio organizzavano anche incontri, serate di ballo, gite”. Gli fa eco Gino Conte: “Tra gli anni ’70 e gli anni ’80 a Pozzuoli, Quarto, Bacoli e Monte di Procida erano attive oltre venti emittenti radiofoniche. Poi i bradisismo mise fine a questo proliferare di radio libere. Ho iniziato nel 1976 con Radio Serapide. Nell’inverno del 1980 abbiamo anche dato un contributo, insieme ai radioamatori, nell’informare la popolazione dopo il terremoto in Irpinia. Un’esperienza analoga la ritentammo qualche anno dopo a Pozzuoli con il bradisismo. La stessa Radio Serapide si trasfer√¨ in una roulotte sul lago d’Averno”. (Ruggero Righini).

RADIO¬† QUADRIFOGLIO: emittente di Pomigliano d’Arco.

RADIO BILANCIA:emittente di Volla

RADIO MONTE PROCIDA SOUND di Bacoli.

RADIO VESUVIO CENTRALE: emittente di Portici affiliata al circuito Top Italia Radio. 

RADIO ANTENNA QUARTO:¬†emittente di Quarto (Napoli) nata nel 1976,¬† trasmetteva sui 103.100 MHz. L’emittente da Quarto centro fu spostata a San Rocco di Marano in un secondo momento. (Gianni Urso).

RADIO STELLA MAGGIORE:¬†emittente nata da una costola di Radio Antenna Quarto per opera di Raffaele Cavallo e Franco Campanile. L’emittente trasmetteva inizialmente da Quarto a met√† degli anni 70 e successivamente la sede fu spostata in Via Castello Belvedere a Marano Napoli dal 1979 e fino al 1983. La frequenza fu spostata varie volte fino all’ultima che dovrebbe essere dei 105.200 MHz. (Gianni Urso).

RADIO ANTENNA SILVER:¬†emittente nata a met√† degli anni ’70 per iniziativa del cantante melodico Tony Silver, trasmetteva da Fuorigrotta sui 97,500 mhz (Gianni Urso).

RADIO TABOR:¬†emittente religiosa della diocesi di Napoli che fu fondata a met√† anni 70. Trasmetteva sulla frequenza dei 97.200 MHz, dal duomo di Napoli, ma con ripetitore ai Camaldoli, ed era affiliata al mensile diocesano: “La Nuova Stagione”.(Gianni Urso).

RADIO UFO:¬†emittente attiva a met√† degli anni ’70, irradiava i suoi programmi dai 94,500 mhz (Gianni Urso).

RADIO UNIVERSAL: emittente nata a Quarto a met√† degli anni ’70 fu attiva solo per pochi mesi, trasmetteva dai 102,000 mhz (Gianni Urso).

RADIO MISENO: emittente nata a Bacoli a met√† anni 80 per opera di Tilde Fiorito, trasmetteva sui 102. MHz e che ebbe vita: cess√≤ infatti di esistere con l’introduzione della legge Mamm√¨. (Gianni Urso).

RADIO OPLONTI: l’emittente nasce nel maggio 1976 a Torre Annunziata, prima radio della citt√†, sede in Vico degli Infanti.

RADIO ANTENNA VESUVIO: Torre Annunziata.

RADIO TORRE ANNUNZIATA

RADIO CITY 2000: Torre Annunziata.

RADIO ONE: emittente di Torre Annunziata nata nel 1976.

RADIO TORRE CENTRO: emittente di Torre Annunziata.

RADIO LINEA CENTRO: altra emittente di Torre Annunziata specializzata in musica napoletana.

RADIO ONDA VERDE: Torre Annunziata.

RADIO ANTENNA CAPRI: nasce a Napoli nel 1974, irradia i suoi programmi dai 100,000 MHz., prima sede in¬†via Aniella di Massimo 143/A √® nata nel 1976. Primo editore Corrado Ferlaino, primo direttore responsabile Vittorio Rajo, direttore tecnico Genny Chietti.¬† Radiocronista Carlo Juliano (1941-2013). Oggi √® Radio Capri, trasmette da Capri, via del Municipio 84, per¬†la Campania, √® diretta da Roberto Barone. E‚Äô presente tra le radio digitali di Sky, √® una web radio su Internet, si ascolta nel Principato di Monaco, √® una radio internazionale che parla italiano, inglese, francese, tedesco. La programmazione √® composta da un ciclo continuo di musica intervallata dalle informazioni e le notizie di carattere economico. Dalla mattina fino alle 22 trasmette musica pop, dalle¬†22 in¬†poi il programma ‚ÄúLuna caprese‚ÄĚ che √® realizzato con musiche romantiche ed internazionali. Il motto della radio della provincia di Napoli molto seguita all‚Äôestero √®: ‚ÄúNo snob music”.

RADIO ISCHIA: emittente attiva dal 1976, mhz 101,500, responsabile Pietro Russo, editore e fondatore Beppi Banfi, trasmetteva da via Alfredo De Luca ad Ischia Ponte.

RADIO ISCHIA INTERNATIONAL: trasmetteva da Ischia a metà anni 70 sulla frequenza dei 102.750 MHz.

RADIO OMEGA: Frattaminore

RADIO BOOMERANG: Castellammare

Provincia di Salerno

RADIO SALERNO UNO

RADIO SALERNO CITY

RADIO NOVA SALERNO: ha cessato di esistere nel 1984 cedendo a Radio Bussola 24. 

RADIO SAPRI

RADIO CENTRO POLIA

RADIO ARCOBALENO UNO

RADIO ALFA

ONDA LIBERA / RADIO ONDA LIBERA

RADIO SUD: emittente di Salerno nata nel 1975, da una sua costola nascer√† l’emittente televisiva Radio Telesud Canale 42.¬†

RADIO CITY: emittente di Salerno.

RADIO STUDIO 2000: ha cessato di esistere nel 1986 cedendo a Radio Bussola 24. 

RADIO LASER: emittente di Salerno nata per iniziativa di Franco Cappelli già fondatore di Tele Laser, una delle prime catv (o tv via cavo) nate in Italia. Radio Laser cessa di esistere nel 1994 la sua frequenza viene rilevata da Radio Bussola 24. 

RADIO DIFFUSIONE AMICA SAN SEVERINO: ha cessato di esistere nel 1990 cedendo a Radio Bussola 24. 

RADIO BUSSOLA 24

RADIO BUSSOLA 24 IL POTERE DELLA MUSICA

RADIO BUSSOLA 24 R.A.M. DANCE

RADIO GLOBO UNIVERSAL: emittente di Battipaglia (Salerno)¬†fondata a Battipaglia da Giacomo Riviello nel 1977. Trasmetteva sugli 88,300 Mhz., la sede era in corso Roma, nel palazzo Capone a ridosso del fiume Tusciano, dove √® rimasta fino al 1978 quando si trasferir√† in Strada Statale 19 appena fuori¬†dal centro abitato di Battipaglia, in un attico dei palazzi Jemma. Questo il ricordo di Michela Riviello, figlia del fondatore: “era la radio di famiglia. dove ognuno collaborava con un programma: mio pap√† con il giornale radio e “il Giornale dei Misteri,” trasmissione che trattava di extraterrestri (molto in voga in quegli anni, comprese invasioni degli alieni..), mia mamma con un programma di musica classica e operetta, noi tre bambini con un programma di canzoni dello zecchino d’oro. E poi c’erano i bravi collaboratori , i ragazzi della cricca di via Stella e il Cavaliere del Brek, -originalissimo e creativo personaggio-, che mandavano in onda programmi di attualit√† con dediche, quiz, politica. Attraverso la radio abbiamo conosciuto moltissime persone interessanti, e questo √® stato un motivo di grande arricchimento umano: ricordo con molto piacere una famiglia di Vettica, frazione di Amalfi, Giovanni l’acquaiolo che abitava nel palazzo della prima sede e che ci riforniva di damigiane d’acqua in quanto non esisteva ancora un impianto idrico nella stazione radio. La radio chiuse definitivamente nel 1979 Ricordo con molta nostalgia quel bellissimo periodo – durante il quale ho imparato a conoscere ed apprezzare la PFM”.

RADIO CANALE 95: emittente di Battipaglia affiliata a Top Italia  Radio.

RADIO AGRO (RDA DIFFUSIONI DELL’AGRO)

RADIO NOCERA AMICA (R.N.A): emittente di Nocera Inferiore nata nel 1979 per iniziativa del proprietario della polisportiva¬† Libertas Alfaterna, l’emittente si diceva fosse finanziata dalla Democrazia Cristiana.¬†Il motto della radio, che¬†aveva sede in via Gabola,¬† era “qui la fortuna” . Da una sua costola nascer√† l’emittente televisiva E.R.T.A (Radio Erta). Fra i collaboratori il compianto Guerino Buglione con le sue mitiche radiocronache, Fabrizio Failla (oggi in Rai) e Jolanda Granato. Radio Nocera Amica¬†chiuse i battenti con l’avvento della legge Mamm√¨, cedendo la frequenza a Radio Dee Jay. Torna in vita nel 2012 come Rta Live.¬†

RADIO NOCERA ATTIVA (NOCERA RADIO ATTIVA CANALE 96): emittente di Nocera Inferiore, vicina alla sinistra nata nel 1977 per iniziativa di un gruppo di studenti, operai, docenti e intellettuali. Irradiava i suoi programmi dai 96,000 MHz,, cess√≤ di esistere all’inizio degli anni ’80, dalle sue ceneri nacque Radio Libera/Mente.

RADIO LIBERA/MENTE: emittente di Nocera Inferiore nata negli anni ’80 dalle ceneri di Radio Nocera Attiva, si contraddistinse per l’organizzazione dei primi concerti in teatro nell’ampio cinema Modernissimo di via Matteotti, per il primo concerto con il famoso gruppo¬†Osanna di Nino Vairetti¬†e Danilo Rustici, che present√≤ in anteprima nazionale il disco Suddance,¬†ed un concerto con il cantautore romano Stefano Rosso.

RADIO STUDIO 56: altra emittente di Nocera Inferiore attiva negli anni ’80 con sede in via Eugenio Siciliano. Cessa di esistere cedendo le sue frequenze a Quinta Rete.

RADIO GIOVANI: emittente di Nocera Superiore nacque nel 1975, fu una delle primissime emittenti locali nata per iniziativa di un gruppo di giovani amici fra i quali c’erano Pasquale Ferrentino ed Isaia Gabola. La radio aveva sede nella frazione di San Pietro di Nocera Superiore. Mitico resta il programma di dediche a richiesta, condotto quotidianamente nel primo pomeriggio dalla coppia composta da¬†Nello Ferrigno e dal compianto Guerino Buglione, passati poi entrambi ad altre emittenti nocerine (Rda e Radio Nocera Amica/Erta).

RADIO NOCERA CITY: emittente di Nocera Superiore nata nel 1977, dopo le prime trasmissioni pionieristiche prende sede nei locali della parrocchia di Santa Maria Maggiore. Successivamente si trasferisce nella frazione di San Clemente da dove trasmette fino al terremoto del 24 novembre 1980. Dopo la sua chiusura alcuni dei suoi componenti fonderanno Radio Trasmissioni Sud (Rts).

RTS RADIO TRASMISSIONI SUD: emittente di Nocera Inferiore, nasce nel febbraio 1981 per iniziativa di un gruppo di amici provenienti da Radio Nocera City. L’emittente irradia i suoi programmi dagli 88,000 MHz., la¬†prima sede √®¬† in via Ungari n. 20 nei locali di propriet√† di Alfonso Bove, uno dei soci fondatori della precedente R.N.C. Fanno parte del gruppo fondatore: Alfonso Bove, Antonino Ruotolo, Carmine Ruotolo, Francesco Angrisani, Lino Colombo, Mario Magliacane, Raffaele Coppola, Maurizio D’Elia e¬†Giuseppe Vigliar che poco dopo daranno all’emittente una natura giuridica, costituendola in s.a.s. Ad essi si associano altri amici, provenienti anch’essi dalla cessata R.N.C.: Pino Iuliano, Franco Petti, Mimmo Smaldone, Michele Petti, Peppe Robustelli, Liliana Coppola, Saverio Villani, Gerardo Bartiromo, Salvatore Ferrentino ai quali, nel tempo,¬†si aggiungeranno altri amici. Nel 1985 trasferisce la propria sede in un appartamento sito al 7¬į piano del II¬į pal. Fimiani, in una posizione pi√Ļ centrale, nei pressi della stazione ferroviaria di Nocera Superiore, nella frazione San Clemente, dove rester√† fino alla chiusura definitiva avvenuta nel 1991. All’epoca del suo massimo splendore arriva ad avere fino a pi√Ļ di 30 collaboratori, tra d.j., conduttori e tecnici. Le sue trasmissioni di successo sono rappresentate da tre collaborazioni con la storica trasmissione di Radio Rai “Chiamate Rai 3131”. Memorabili restano anche le trasmissioni sportive con radiocronache dirette dagli stadi della¬†Campania e di altre regioni meridionali per seguire le vicende di¬†Nocerina, Paganese e Internocera Superiore. Da non trascurare il radiogiornale (fino a cinque diverse edizioni al giorno), le dirette dalle aule consiliari per la trasmissione dei consigli comunali di Nocera Superiore e Nocera Inferiore, la diretta¬†della S. Messa domenicale e nei giorni festivi, gli speciali elettorali, la messa in onda di rubriche scientifiche, trasmissioni specifiche sui diversi generi musicali e storia della musica, rubriche sportive domenicali e infrasettimanali (all’epoca fu forse l’unica emittente radiofonica a trasmettere interviste e resoconti di squadre appartenenti ai cosiddetti “sport minori”, tra cui si ricorda lo storico evento dei due scudetti conquistati dalla squadra di pallamano della Handball Scafati a met√† degli anni ’80). Negli ultimi anni di attivit√† fa parte del Network nazionale¬†Tirradio.¬†Alla sua chiusura cede la frequenza e tutte le proprie apparecchiature, compreso un eccellente patrimonio discografico, all’allora emergente emittente napoletana¬†Radio Kiss Kiss.¬†La R.T.S. rappresenta a tutt’oggi l’ultima emittente radiofonica ad aver trasmesso da Nocera Superiore, poich√©, dopo la sua cessazione, anche a causa della crisi che ha investito il settore delle radio libere all’inizio degli anni ’90, a Nocera Superiore non sono sorte altre emittenti radio. (Raffaele Coppola).

R.D.B / RADIO DIFFUSIONI BABYLON:¬†emittente di Nocera Inferiore muove i primi passi fra il 1976 e il 1977 nella sua storica sede¬†della frazione Pecorari dove resta fino alla sua chiusura definitiva avvenuta negli anni ’90. (Raffaele Coppola).

RADIO E.L.S.A – EMITTENTE LIBERA SPECIAL AGRO: emittente di Nocera Inferiore nata¬†intorno al 1977 per opera di un gruppo di giovanissimi amici e trasmette da un locale posto in una casa di campagna di propriet√† della famiglia Ruggiero, in localit√† Sant’Ambruoso di Nocera Superiore. Cessa alla fine degli anni ’80. (Raffaele Coppola).

A.L.A./ ANTENNA LIBERA ALFATERNA:¬†emittente di Nocera Inferiore¬†nata nel 1978. L’evento del¬†terremoto del 1980 causa la chiusura dell’emittente che aveva, tra le sue trasmissioni di spicco, rubriche sportive,¬†tre edizioni giornaliere del radiogiornale e una eccellente trasmissione sulla musica classica napoletana. (Raffaele Coppola).

RADIO KOLBE emittente dei Frati Minori del convento di Sant’Antonio, irradiava i suoi programmi dai 93,700 MHz, si¬†affilia alla radio Kolbe nazionale, chiude i battenti nel 1994, li riapre nel 2010 e si affilia al circuito Inblu.¬†

RADIO ANTENNA LIBERA NOCERA: emittente di Capocasale.

RADIO S.O.S.: emittente di Cicalese.

RADIO VALLO: emittente di Sala Consilina.

RADIO NOCERA CENTRO: emittente di Montalbino.

RADIO NUOVA SARNO:  emittente fondata dai fratelli Celentano che poi daranno vita a Radio Antenna Sarno.

RADIO CITTA’ FUTURA: emittente fondata dai fratelli Celentano che poi daranno vita a Radio Antenna Sarno.¬†

RADIO ANTENNA SARNO

Provincia di Caserta

RADIO ALCE: nasce il 18 gennaio 1976 da un’idea di Alfredo Centore (in arte Freddy), √® la prima emittente della provincia di Caserta. Il nome¬†Radio AL.CE. deriva dall’acronimo di Alfredo Centore, il suo fondatore.¬† Irradia i suoi programmi dagli 88.100 mhz ed √® ricevibile in tutta Caserta e provincia, i comuni a nord di Napoli, Agro Aversano, Agro Acerrano e Basso Volturno. Radio Alce √® stata la prima emittente radiofonica privata di Caserta e ha trasmesso in diretta tutti i principali eventi ed avvenimenti casertani. Ha chiuso i battenti, dopo quarant’anni di vita, nel 2016. Poco dopo √® scomparso anche il fondatore.

RADIO MARE STEREO: emittente di Caserta, ha cessato di esistere nel 1986 cedendo a Radio Bussola 24. 

RADIO AURUNCA CENTRO: pionieristica emittente di Sessa Aurunca attiva negli anni ’70.

RADIO GAMMA: nasce in località Casamare, si trasferisce a Sessa ed assume il nome di Radio Spazio Blu.

RADIO LUNA CASERTA:¬†emittente nata nel 1977 per iniziativa di Gianfranco Maggi√≤, clone della Radio Luna romana, ma anche fucina di talenti. L‚Äôemittente aveva sede in corso Trieste, nei pressi del monumento ai caduti, direttore responsabile Pino Marino, voce inconfondibile dell‚Äôepoca. Programmi della syndication, ma anche programmi autoprodotti e informazione (qui esordisce un giovanissimo Carlo De Blasio, poi a Rai Stereo 2 e a Rai News 24), si forma a Radio Luna anche Foxy John (poi conduttore della Hit Parade), collaborano con l‚Äôemittente anche Joele Campana (deceduto prematuramente), Nino Mazzarino, Lucio Seneca (gi√† a RaiStereoNotte) e Tiziana Panella (poi assessore provinciale). All’epoca nacque anche Teleluna (niente a che vedere con quella di oggi). Gli studi si trovavano in via Giotto.

RADIO PRIMA RETE

PRIMA RETE STEREO Caserta. 

RADIO CASERTA NUOVA

RADIO CIRCUITO SOLARE

RADIO MADDALONI INTERNATIONAL

NEW RADIO NETWORK Maddaloni.

RADIO MADDALONI UNO: emittente di Maddaloni nata nel 1977 per iniziativa di un gruppo di giovani fra i quali vi erano Mario Tammaro, Gaetano Miretto, Ernesto Campese, aveva sede presso il Parco Barletta nei locali del convento della S.S. Annunziata di Maddaloni.

RADIO CAPYS: emittente di Santa Maria Caputa a Vetere fondata nel 1975 dall’avvocato e senatore Pompeo Rendina, Nicola Barone, Giovannni Rendina, Antonio Lepore e Massimiliano Rendina. Aveva sede in¬†via Roma 10 Santa Maria Capua a Vetere, mhz 102,400, direttore responsabile Fernando Terlizzi, direttore Nicola Barone, responsabile dei programmi Pompeo Pelagalli. Le voci in onoda erano quelle di¬† Ferdinando Terlizzi, Lucio Martinelli, Giacomo De Felice , Antonio Cassino, Donato Di Rienzo. Chiuse i battenti nel 2012 cedendo a Radio Maria.

RADIO SFINGE Macerata Campania (Caserta)

RADIO CENTRO REKORD: emittente di di Roccarmofina in provincia di Caserta, sede via S.Rocco 39, irradia dai 101,800 MHz.

Provincia di Avellino

RADIO AVELLINO (RADIO AVELLINO 100):¬†la prima emittente della provincia nasce il 6 maggio 1976, per iniziativa di un gruppo di amici finanziati da Pippo Zagari. L’emittente irradia i suoi programmi dai 100 MHz, ed ha sede in via Roma 21 (al primo piano dello stabile della cooperativa Inail all’incrocio con piazzetta Perugini). Installato il trasmettitore il 5 maggio, il giorno successivo viene posizionata l’antenna fori dal balcone e nel pomeriggio Elio, il responsabile tecnico, d√† il via alla messa in onda di musica leggera per due ore a bordo di una Fiat 500, con una delle prime radio in fm., gli amici girano per la citt√† per verificare le zone di copertura. Il primo brano mandato in onda √®¬†EJ¬†dei Kc and The Sunshine Band, gli speaker sono Giannantonio Oliva e Lello Venezia che trasmettono da uno studio di fortuna. Due piatti, l’amplificatore, il mixer a sei uscite, un registratore a bobine, due microfoni, due cuffie, i dischi. Fra gli altri collaboratori ci sono Melino Santoro, Gianfranco Turris, Elio Buonanno, Michele Acampora, Gerry Vozza, Alfonso Pagliuca, Sergio Valentino, tutti appassionati di musica e pronti a cimentarsi con programmi musicali e qualche intervista sportiva. Gli speaker alternano prevalentemente musica con le radiocronache dell’Avellino calcio. La radio si trasferisce a Mercogliano in via Partenio, Lello Venezia si occupa dell’informazione, Michele Acampora propone musica rock nelle ore notturne.

RADIO IRPINIA: seconda emittente della provincia nacque il 14 maggio 1976 a Castello di Calitri, irradiava i suoi programmi dai 102,300 MHz., fra i collaboratori Vittorio Cultrone.

RADIO A3: emittente di Avellino nata il 20 maggio 1977 in una piccola stanza di via Ponte 1 nel rione Valle. E’ la terza radio della citt√† ma ¬†prima vera e propria radio definita di ‚Äúmovimento‚ÄĚ, fondata da Antonio Secchi con la partecipazione di Franco Festa, Pierpaolo Marino, Ettore De Socio, Guglielmo Nigro, Francesco Pionati. Autocostruita, autogestita, autofinanziata trasmette anche sui 94.400. I ripetitori a Montevergine prima e a Salerno dopo. La musica di ‚ÄúProfondo rosso‚ÄĚ apre e chiude le trasmissioni. La radio arriva fino a Potenza e nel Lazio. ‚ÄúSi pu√≤ ascoltare in tutta l‚ÄôItalia meridionale‚ÄĚ assicura uno spot. Tra i collaboratori: Pier Paolo Marino, Luigi Anzalone, Francesco Pionati, Franco Festa. Memorabile, in particolare, il lavoro svolto subito dopo il terremoto, quando la radio continua a trasmettere da una roulotte nella piazzetta di Valle, costruendo servizi straordinari sull’immane tragedia in atto, richiesti anche dalla RAI e rimandati sulle frequenze nazionali. Negli anni 80 la radio si trasferisce in ¬†¬†via Guarini. Ma non ha riconosciuta la frequenza. Continua a trasmettere sino al 1991, poi chiude per sempre.¬†(Ruggero Righini).

RADIO ALFA 102: nasce il 20 giugno 1977, la fondano Ciro Vigorito, Antonio Di Nunno, Fancesco Pionati, Antonio Pancotto, Giuseppe Pisano, Aldo Balestra, Salvatore Biazzo, Nicola Cecere (poi alla Gazzetta dello Sport), Gianni Frisetti e Gigi Marzullo. Direttore artistico √® Michele Acampora. Irradia i suoi programmi dai 102,00 MHz, trasmette sport e politica oltre, ovviamente alla musica degli anni ’70. Fra i programmi cult¬†Hey J.¬†condotto da¬†Giannantonio Oliva.¬†Nel 1981 Radio Alfa viene definita radio terremoto (da Paese Sera e Il Mattino) non solo perch√® mette in onda la voce del terremoto del 23 novembre 1980, ma perch√® racconta, senza satellite, senza telefonini, senza niente di tutto quello che oggi esiste attorno ad un’antenna, la tragica manifestazione tellurica del 23 novembre 1980.¬† Ricorda Michele Acampora: “dopo¬†aver messo in ordine il cervello, il 25 novembre Radio Alfa torn√≤ nuovamente in onda: in redazione c‚Äôeravamo io, Ciro Vigorito ed altri fedelissimi. Fungemmo da ponte radio per i soccorsi, modificando tutti i nostri programmi. Trasmettevamo musica classica, orchestrale, niente di festoso n√© allegro, tutto in linea con il momento drammatico che vivevamo. Questi composti brani musicali facevano da intervallo a comunicazioni ed indicazioni stradali per quanto riguardava i soccorsi, ma anche agli appelli per la ricerca di persone scomparse o irreperibili. Oltre al telefono, che era l‚Äôunico strumento utilizzabile, una grossa mano ci fu data dai radioamatori che ci recapitavano gli appelli per gli scomparsi sia da chi era in Irpinia, ma anche dall‚Äôestero. Allo stesso modo raggiungevamo i baracchini dei camion degli aiuti comunicando loro i chilometraggi e le posizioni dei paesi distrutti verso i quali si accingevano a portare soccorso. L’apporto¬†che demmo alla logistica fu positivo, ma ricordo in maniera vivida l‚Äôopera che facemmo per la ricerca delle persone: fu molto toccante e realmente importante. Ci fu pi√Ļ di un caso in cui riuscimmo a mettere in contatto i terremotati con i loro parenti lontani. Uno degli episodi pi√Ļ significativi fu il ricongiungimento di alcuni scampati al terremoto con dei loro congiunti australiani. La programmazione no stop vide la massiccia presenza di radiogiornali: i membri della redazione rimasti ad Avellino si alternavano alla conduzione, l‚Äôemergenza fece saltare i ruoli facendoci diventare tutti cronisti d‚Äôassalto. Raccoglievamo voci, proteste, disagi. Tutto ci√≤ non per vanagloria, ma per necessit√†, per un dovere sociale ed umano verso la nostra terra ed i nostri concittadini. Un vero e proprio slancio di coraggio. Personalmente portai la mia famiglia fuori regione: all‚Äôinterno del palazzo di Via De Renzi nel quale abitavo rimanemmo solo io ed un‚Äôaltra persona. Il sisma rovin√≤ la mia camera: l‚Äôarmadio nel quale custodivo parte dei miei dischi si ribalt√≤ impedendomi l‚Äôaccesso ed azionando l‚Äôinterruttore della luce. Per¬†oltre un mese e mezzo la mia stanza rimase illuminata ventiquattro ore su ventiquattro, un po‚Äô come Radio Alfa. Quei giorni devastanti segnarono la collaborazione con Radio Studio 95: noi fummo fortunati, la nostra palazzina era di recente costruzione e resistette alla spallata del sisma, mentre i ragazzi di Studio 95 ebbero dei problemi. Nel gennaio del 1981 unificammo in parte le nostre trasmissioni: da una parte Radio Alfa1, dall‚Äôaltra Radio Alfa2 Studio 95. La collaborazione si chiuse nel settembre dello stesso anno¬Ľ. Radio Alfa cess√≤ di esistere all’inizio degli anni ’90 con l’avvento della legge Mamm√¨.

RADIO CITY SOUND

RADIO ORIZZONTE

RADIO STUDIO 95

RADIO COLOMBO

RETE SUD 99:¬†seconda rete di¬†Radio Colombo,¬†radio di solo musica nata nel 1982, trasmetteva 24 ore su 24 e fu la prima in Irpinia nel suo genere senza programmazione parlata. Chiuse i battenti alla fine degli anni ’80.

RADIO UFITA

RADIO PUNTO NUOVO

RADIO MAGIC

RADIO MAGIC 2

Provincia di Benevento

RADIO BENENVENTO LIBERA: mhz 104 fra gli speaker Gigi La Monaca, futuro fondatore di Radio Città.

RADIO INTERNATIONAL BENEVENTO/RADIO ANTENNA INTERNATIONAL BENEVENTO

RADIO CITTA’

RADIO TORELLO SOUND:¬†nasce nel 1979 in via Nazionale Torello 4 a Melizzano (Benevento) per conto di Luigi Iannelli. L’emittente trasmette sui 100.400 e 102.500 MHz. Nell’aprile 2010 cede marchio e frequenze a Radio Punto Nuovo di Avellino che utilizza per se i 100.400 MHz ¬†e con la denominazione ¬†RTS 102.500 Hit Radio prosegue sui 102.500 MHz con molti programmi di successo come: “Chiama RTS ti risponde l’ospite in studio” e “Artisti in radio”.

RADIO LUNA BENEVENTO / COMUNICATION

RADIO SPERANZA BENEVENTO 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...