Radio Piemonte Stereo

RADIO PIEMONTE STEREO

L’emittente nasce il 18 novembre 1975 tra i tavoli del Golden Pub di Biella per iniziativa di Loredana Favaretto e Rodolfo Cirio, partecipano alla realizzazione degli studi Doriano Francescon e Lamberto Sanna.  E’ una delle prime radio libere del Piemonte, nonostante abbia un piccolo trasmettitore riesce a coprire tutta l’area del vercellese grazie ai pochissimi segnali a quel tempo presenti. Irradia dai 90,500 e 102,500 mhz. Trasmette dal Piazzo, poche notizie e tanta musica e dediche, insieme ai giochini e agli sketch che Ezio Greggio, che collabora con l’emittente, sperimenta prima di farne i suoi grandi successi. La programmazione fa spazio agli annunci del pubblico sfruttando la radio come un social network. Le news sono dei flash che anticipano quanto si può leggere sui giornali, i veri protagonisti dei racconti via etere diventano i radioascoltatori, che numerosissimi partecipano a trasmissioni come “Tanti Auguri” o di canzoni a richieste, spesso per il puro gusto di sentirsi nominare per radio. Nel cast annovera Maurizio Di Maggio (poi a Radio Montecarlo), Paolo Mander, Cristiano Gatti (fino al 2008), Gaetana Savarino di soli 17 anni (colonna dell’emittente per trent’anni poi a Radio City) messa alla conduzione notiziario delle 6. Nello studio c’è un pianoforte dove vengono suonati concerti in diretta. La radio si collega in dirette con le discoteca Sporting Club di Santhià e manda in onda le interviste e i concerti live di grandi nomi nazionali e internazionali: Ray Charles, Donna Summer, i Rockets, Miguel Bosè, Lucio Dalla, Francesco De Gregori, Claudio Baglioni, i Pooh… Dalle 21 all’1 trasmette “Amico Charlie”, in diretta dal Charlie Brown, animata da Gian Perello e Paolo Stasi. Nel 1985 gli studi sono trasferiti in Corso De Gasperi 47/c., alla fine degli anni ’80 è in onda Bruno Marcone, parrucchiere che tiene una rubrica sui capelli: “Tutto donna”. Con gli anni Novanta passa alla musica house e ad una nuova generazione di dj, tra cui Lele Lattarulo e Stefano Rastellino. Il venerdì sera manda in onda in diretta “Dance Party Time”, che trasmette le ultime uscite dalle case discografiche, durante la quale vengono intervistati artisti come Gigi D’Agostino e gli Eiffel 65, agli esordi della loro carriera. Nel nuovo millennio porta la rivoluzione digitale con Peter Deejay che il pomeriggio trasmette “Movimento” musica da discoteca, la domenica “90 all’ora” musica dance e collegamenti con le discoteche e cura le dirette dalla fabbrica della birra “Cuore” di Crevacuore.

Nel 1997 acquisisce Radio Amica e da vita a Radio e Radio. Le frequenze coprono le provincie di Biella, Vercelli e il valsesiano. Nel nuovo millennio porta la rivoluzione digitale con Peter Deejay che il pomeriggio trasmette “Movimento” musica da discoteca, la domenica “90 all’ora” musica dance e collegamenti con le discoteche e cura le dirette dalla fabbrica della birra “Cuore” di Crevacuore.

Nell’aprile 2008 Radio Piemonte cede le frequenze a Rtl 102.5 e chiude le trasmissioni. Loredana Favaretto ricorda con una certa nostalgia: “Ho cominciato per scherzo e poi la radio ha fatto parte di più di metà della mia vita. Quella di stare dietro al microfono era una voglia che avevo fin da ragazzina, io che ho vissuto da ascoltatrice la nascita delle radio. Abbiamo cominciato inventando un mestiere. L’ingrediente fondamentale era ed è la passione. In trent’anni di attività abbiamo percorso tutte le fasi dei cambiamenti tecnici, dalle cassette al digitale, vivendo “grandi scoperte” come quella del fax e costruendo le dirette senza cellulari a disposizione. Quand’è nato il movimento del basket ho cercato di portarlo alla radio, e sono riuscita a farla diventare la radio ufficiale della pallacanestro Biella“. Cristiano Gatti ricorda: “La passione per la radio è nata ben prima: mi ero inventato con un amico una fantomatica Radio Alfa e fingendo con un registratore di andare in diretta invitavamo “in studio” le ragazze. Riprenderei domani stesso a fare 2 o 3 ore di radio la settimana“. Gian Perello che è stato anche a Radio Idea e Radio Live e alla Music Magazine di Maurizio Codini sottolinea: “Eravamo veri “fantini del disco”, cavalcavamo le canzoni ben lontani dai dj di oggi che controllano le playlist al computer La radio è stata un’esperienza bellissima, la rifarei di corsa. La discoteca no: non riuscirei ad abituarmi ai ragazzini spavaldi che la frequentano oggi“. Peeter Dj dice: “L’esperienza più bella della mia vita, la rifarei altre 10mila volte. “Very Normal People” recitava il motto: e la gente interagiva, si raccontava in diretta, faceva saluti, dediche… Le persone vogliono spazio, poter parlare di sé e di quel che le interessa, questo fa il successo di una radio“.

RADIO PIEMONTE STEREO (2)

ALTRE RADIO DELLA REGIONE 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...