Radio City Verona

radio city veronaDue furono le Radio City attive a Verona. La prima nacque nel 1979, irradiava i suoi programmi dai 105,500 e dai 105,800 e venne rilevata nel 1983 da Rocco Milano. Con l’avvento di Rocco Milano alla proprietà le frequenze 105,500 e 105,800 vennero utilizzate da Duemila Radio, la prima Radio City chiuse pertanto i battenti nel 1984 per far posto a Duemila Radio.
Nel 1990 nacque una Radio City a Nogara ma il titolare morì nel 1992 a causa di un incidente con la moglie e il figlio, Laura, la figlia superstite di 24 anni, ereditò l’emittente che si trasformò da sas a ditta individuale. Dopo un rincorso poichè il Ministero delle Telecomunicazioni non aveva concesso a Radio City l’autorizzazione, la radio può trasmettere, rilevata da Rocco Milano e da Benito Pavoni. La sua area di copertura erano le province di Mantova e Verona, direttore Alfredo Bedendo. L’emittente vinse anche un Oscar di Millecanali. Le frequenze erano 104,650 mhz (Verona) e 107,050 (Mantova), il direttore artistico dell’emittente fu Rocco Milano, l’editore era la Five srl di Benito Pavoni (ex deputato del Psi). Radio City Verona chiuderà i battenti nel 1997 quando cederà le sue frequenze a Radio Birikina.

Ecco il ricordo di Lorenzo Ambrosi, uno dei collaboratori dell’emittente:
“A Radio City Verona facevo tutto quello che si fa comunemente (o almeno si faceva) in una piccola radio , in pratica un po di tutto , dalla rassegna stampa (mi piaceva prendere la notizia del giorno e far notare la differenza di presentazione fra le varie testate) avevamo uno studio mobile su un van della chevrolet che usavamo per i collegamenti esterni con cui andavo alle conferenze stampa e curavo le informazioni sulla viabilità della città , il nostro direttore artistico era riuscito a mettere in piedi un pul di radio (idea rivoluzionaria all’epoca) con cui si seguiva il calcio dilettantistico di verona e provincia in diretta la domenica pomeriggio con inviati sui campi, il programma si chiamava (radio grande sport) io facevo il regista in studio , il conduttore lo puoi rintracciare al giornale che esiste ancora che è “calcio dilettante” e si chiama Andrea Nocini (personaggio che di calcio dilettante è praticamente un’enciclopedia vivente lui sa tutto e di più) .
L’avventura di Radio City è stata molto bella l’entusiasmo era molto alto e si lavorava, l’idea di Pavoni era quella di dare voce alla città e in parte è anche riuscita dal momento che trasmettevamo in diretta le sedute del consiglio comunale di Verona , probabilmente i tempi non erano ancora maturi . Di radio a Verona purtroppo ne sono morte .molte , io ho iniziato in una piccola emittente della provincia che prendeva il nome dal paese Radio Mozzecane, per poi passare ad una radio in città Radio Studio Zenith in cui poi sono diventato socio al 50% , a Radio Studio Zenith ero il “direttore artistico” mi occupavo di tutto dalla programmazione al non stop (ricordate i vecchi bobinoni per i notturni ?) poi il mio sogno era quello di creare il primo network della città , purtroppo per cercare di far crescere la radio diventata “Radio studio Arena” mi sono messo in società con un’agenzia di pubblicità truffaldina (da oltre 20 anni aspetto la prima udienza in tribunale che probabilmente non vedrò mai) , pazienza storie passate. Poi un breve periodo a radio San Bonifacio (ancora viva) e successivamente a Radio Monte Baldo (venduta alla rai) breve periodo a Radio Popolare Verona che quando non è in locale ripete il network di Milano . Diciamo che in queste poche righe ho un po zippato 20 anni della mia vita e un grande Amore che rimane ancora oggi per la radio , purtroppo oggi a Verona radio ce ne sono quasi più (o comunque con l’avvento del computer viaggiano troppo sul registrato, io senza diretta sono morto). Amo la radio, come diceva Finardi”.

Ed ecco il ricordo di Emanuele Milano:
“Di radio city ve ne sono state due. La prima fu quella storica fine anni 70 la quale nel 1983 fu da me rilevata e poi successivamente le frequenze dei 105.5 e 105.8 furono utilizzate da l’altra emittente da me rilevata nel 1982 quale duemila radio che nel 1983 con il nuovo palinsesto e struttura diventò per gli ascoltatori rete 2000. quindi la prima radio city non ebbe più frequenze e fu spenta nel 1984. Nel 1990 un ragazzo di Nogara, occupando una limitata frequenza accese una nuova radio city che nel 1992 a causa di un incidente che gli costò la vita, la stessa piccola emittente fu consegnata alla sorella che per una coincidenza mi fu proposta di acquisire e consentire di continuare a farla esistere anche in memoria del fratello. In quella occasione accettai e insieme a Benito Pavoni iniziai la procedura per ridare un futuro a questa piccola emittente. Impegnai tre anni per portarla ai livelli standard delle emittenti con uno sforzo notevole. Poi per ragioni professionali personali mi trasferii a Roma lasciando tutto a Pavoni il quale nel 1997 ha venduto tutto a Radio Birikina che ha smembrato Radio City utilizzando le frequenze per estendere la propria rete regionale.”

ALTRE RADIO DELLA REGIONE VENETO

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...