Radio Torre Mozzanica

RTM_Locandina-UFFICIALE-1977Piccola radio libera, nata a Mozzanica (BG) all’inizio del 1977 da un’idea dell’allora Sindaco Giancarlo Capetti, che diede l’incarico a Cristoforo Strada, originario di Sola (Bergamo), ma residente a Pioltello (MIlano), di costruire un apparecchio trasmittente.  Cristoforo Strada, che aveva contatti diretti con i tecnici di Radio Freedom di Pioltello, aveva già diverse esperienze in genere, perché aveva già provveduto, con Mario Bianchessi ( I2ECK – silent key – R.I.P.) Radioamatore di Mozzanica, a costruire altri apparecchi che trasmettevano sulle Bande Radioamatoriali nei primi anni ’60; alcuni di questi apparecchi erano stati installati e provati nella casa del vicario dell’epoca, don Arnaldo Paternazzi.  Quando l’apparecchio trasmittente fu approntato, fu dato l’incarico della sua gestione allo scrivente Gianpietro Raimondi e a Maria Bettinelli di RADIO TORRE MOZZANICA.

Le trasmissioni avvenivano da una stanza di proprietà del Bar ACLI, posta sopra lo stesso locale, con ingresso, ovviamente non dal bar, ma dal cortile retrostante, aperto su Via Cerchia delle Mura in Mozzanica (BG).  La Radio trasmetteva in FM sulla frequenza di 92,3 MHz. Il segnale non era molto potente, solo pochi Watt, ma sufficiente a coprire il territorio mozzanichese e poco più.   Sin dall’inizio la radio fu un punto di attrazione per i giovani. Man mano che sempre più nuovi ragazzi davano la loro disponibilità a curare i programmi, venivano aumentate anche le ore di trasmissione.

Inizialmente la messa in onda avveniva solo al Sabato, poi si aggiunse anche la Domenica e successivamente ampliata alle sere di tutti gli altri giorni della settimana.
Durante i giorni feriali le trasmissioni iniziavano alle ore 18 e terminavano alle 22; iniziare prima non era possibile perché i ragazzi, tutti volontari, erano impegnati con la scuola o con il lavoro.   Alcune ragazze si occupavano della gestione del Gazzettino Mozzanichese: quasi tutti i giorni andavano in Municipio a raccogliere le informazioni dal Sindaco, dalla Giunta o dal Segretario Comunale e poi le trasmettevano il Sabato ad un orario prestabilito del palinsesto. Venivano raccolte anche informazioni direttamente dalla popolazione, attraverso interviste o richieste da porre agli amministratori comunali. Molto interessanti erano le interviste ai cittadini raccolte per strada o nei bar o dal vivo quando si era in diretta durante la trasmissione del notiziario, su argomenti di qualsiasi natura.

Non c’è stato altro momento nella storia di Mozzanica in cui le notizie locali siano state messe a disposizione di tutti i cittadini e in modo più trasparente: settimanalmente, ciò che la Giunta Comunale decideva, veniva messo a disposizione della popolazione. Gli amministratori comunali non potevano permettersi il lusso di dire una cosa e poi farne un’altra…   Gli eventuali ritardi nell’esecuzione delle opere pubbliche dovevano essere giustificati con logica e linearità.  Il sabato pomeriggio Luigi Raimondi, l’allora appassionato storico locale, curava una rubrica sulla Storia di Mozzanica, tratta da una sua illustratissima pubblicazione.

Per la copertura della domenica pomeriggio si è sempre presentato il problema del reperimento delle persone disposte a rimanere nella sede della radio a trasmettere; per ovvi motivi di impegni e passioni personali. Per ovviare all’inconveniente era stato acquistato un grosso registratore/riproduttore a bobine auto-reverse con una autonomia di alcune ore. Chiaramente, durante la settimana si dovevano registrarvi le programmazioni, se la Domenica si voleva rimanere liberi di andare a ballare o a portare a spasso la morosa…

Periodicamente si effettuavano delle riunioni in cui veniva stilato il programma delle trasmissioni o palinsesto. Ogni ragazzo o ragazza, o gruppi di ragazzi che aveva un programma da gestire, aveva il proprio orario da rispettare ed un preciso argomento da trattare come:

Informazione (Gazzettino Mozzanichese), per cui erano impegnate diverse persone, anche se il Gazzettino durava solo poco più di mezz’ora.
La Storia antica di Mozzanica ( Luigi Raimondi e altri ).
Musica Classica.
Musica da ballo ( Liscio ).
Musica da ballo con dediche. La radio non aveva una linea telefonica, costava troppo, si usava una cassetta della posta dove le persone potevano inserire le dediche e richieste o portarle direttamente in radio durante le dirette.
Musica Country.
Musica Revival.
Argomenti di Cultura Generale.
Cinema e colonne sonore dei film.
Musica per Bambini.
Musica Pop-Rock.
Discomusic.

E molto altro ancora…

Tutto dipendeva dalla disponibilità delle persone e dall’impegno preso durante le riunioni di programmazione.

Avevamo parecchi dischi in vinile e musicassette (come si usava allora), ma non erano sufficienti a coprire tutte le varie esigenze. Ogni volontario si preoccupava anche di reperire la musica da trasmettere: sua, di amici o altro ancora.

Per far fronte alle spese sempre più crescenti, eravamo stati costretti a raccogliere qualche annuncio pubblicitario dai vari esercizi presenti a Mozzanica e nei comuni limitrofi. Ma i volontari intervenivano spesso di tasca propria con collette autofinanziate.

Ci sarebbero tanti aneddoti da raccontare, ma ne vale uno per tutti:

radio torre mozzanica fotoAndreino Bazzi (mancato il 30 Luglio 1978, dopo un solo anno della nascita della radio), che curava la rubrica Liscio con dediche alle 12:30 del Sabato, siccome aveva l’abitudine di fare le ore “molto piccole”, per non dire il mattino il venerdì, ultimo giorno lavorativo della settimana, , immancabilmente il Sabato mattina non si svegliava in tempo e bisognava andarlo a prelevare a casa sua e buttarlo giù dal letto.   Arrivava in radio con ancora i pantaloni del pigiama sotto ai jeans e, siccome utilizzava quale sigla musicale della sua trasmissione la canzone “Che Ora è” di Edoardo Bennato, alla fine dell’introduzione era solito dire: Esattamente le Ore 12:30 …. passate!
La programmazione di RADIO TORRE MOZZANICA iniziò i primi mesi del 1977.

Il 4 Gennaio 1978 fu regolata la posizione con la Questura di Bergamo, in quanto se si voleva operare come un organo di informazione, anche se locale, bisognava avere le necessarie autorizzazioni, mediante la nomina del direttore responsabile nella persona del Dott. Guido Zambetti, iscritto all’Albo dei Giornalisti.

La Questura rispose che RADIO TORRE MOZZANICA era stata registrata al N.1 del 1978 nel registro Stampa presso il Tribunale di Bergamo; una piccola ma grande soddisfazione…

A seguito delle normative molto stringenti e onerose, entrate in vigore con le leggi dello Stato per regolarizzare le posizioni delle radio libere, nate a migliaia in quegli anni, il 16 maggio 1984 venne richiesta la cancellazione dal registro in quanto non più operante.

Gianpietro Raimondi
Revisione ed impaginazione: Aldo Merisio ( IU2IKW )

LE RADIO DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

ALTRE RADIO DELLA REGIONE LOMBARDIA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...