Radio Linea Verde

RADIO LINEA VERDE:  nasce nel 1978 a Biella come radio della Diocesi, irradia i suoi programmi dai 96,500 e 96,800 MHz. La radio cattolica è gestita, inizialmente, da don Ilario Bolengo e don Carlo Lepora. Trasmette dal Piazzo, poi dalla sede de Il Biellese soprattutto informazione. Annovera Riccardo Alberto (direttore negli anni ’80) e firme come quelle di Marco Atripaldi, Vittorio Pozzo, Beppe Pesce e Cesare Maia che del microfono fanno una vera palestra di giornalismo. La radio è anche organizzatrice delle prime tre edizioni del carnevale del Piazzo. In palinsesto “L’altra mattina” che racconta le pagine dei principali quotidiani, collegamenti con la radio vaticana, lo sport con le dirette delle partite di Cossatese e Biellese, poi ciclismo, basket, il rally della lana Biella-Oropa e naturalmente la musica. Paolo Pandini e Alex Braschi sono i primi dj dell’emittente. Braschi appare anche in tv, su Telemilano, a sfidare altri disc jokey nella trasmissione “Popcorn”. Nel 1982 la radio è protagonista di un’infinita diretta di 24 ore, organizzata in collaborazione con Sorrisi e Canzoni e diventata caso nazionale. Negli anni ’90 prende la direzione dei programmi il Padre cappuccino Carlo Maria Zorzi. Uno dei protagonisti del pomeriggio musicale è Mauro Pollotti (oggi sulle colonne della Nuova Provincia). Ogni giorno va in onda con “Pomeriggio in musica”, trasmissione di dischi a richiesta. Nel 1993 con l’iniziativa “Sorella Radio un’antenna per l’Africa” l’emittente promuove la nascita di un’altra rete, quella dei frati cappuccini a Capo Verde alla cui direzione passa Zorzi. La partenza segna anche la fine dell’emittente. Carlo Maria Zorzi, per vent’anni in Africa ricorda: “Facevamo prima di tutto un servizio per i cittadini: due collegamenti al giorno con Oropa per consentire a tutti coloro che non erano presenti fisicamente di esserlo almeno con l’ascolto. E poi c’era la musica, la rassegna stampa quotidiana, le rubriche. A un certo punto ne creammo di buone notizie, un’alternativa ai notiziari pieni di morti“. Mauro Pollotti dice: “Arrivavo da TeleBiella, dove stendevo il notiziario. Ho sempre desiderato fare radio, mi ha sempre affascinato la magia dello speaker che arriva direttamente nelle case delle persone“. Alex Braschi puntualizza: “Sono entrato in radio quando avevo 17 anni. All’inizio lavoravamo ancora in regime di censura, una volta non abbiamo potuto mandare in onda “Ti amo” di Tozzi”.

ALTRE RADIO DELLA REGIONE PIEMONTE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...