Radio Gap

radio gapL’acronimo sta per Radio Global Audio Project, nasce come circuito di radio del movimento a Genova nel 2001 nell’ambito del Genova Social Forum riunitosi in occasione del vertice del G8. Il nome è forse provocatorio: Gap erano un gruppo della Resistenza italiana. Radio Gap inizia a trasmettere il 16 luglio a Genova irradiando i suoi programmi dagli 87,800 mhz con lo slogan “otto contro il G8”. Otto erano infatti i membri originari del network, sette emittenti e un’agenzia di informazione: Radio Blackout (Torino), Radio Onda d’Urto (Brescia e Milano), Radio Fuiko, Radio Città 3, Radio K Centrale (Bologna), Radio Onda Rossa (Roma), Radio Ciroma (Cosenza), e Agenzia Amniset (Roma).  Vittorio Agnoletto, poi europarlamentare di Rifondazione Comunista, allora portavoce del movimento disse: “abbiamo deciso di essere disobbedienti anche relativamente alla linea rossa dell’informazione”.

“Il fine – scrive Mauro Orrico nel libro RADIO LIBERE MA LIBERE VERAMENTE – è quello di informare sugli avvenimenti in corso, in quei giorni, nel capoluogo ligure”. Radio Gap rappresenta la “voce del movimento no global italiano” confluito in quei giorni a Genova per protestare contro le strategie di globalizzazione messe in atto dai rappresentanti dei paesi economicamente dominanti. Con l’irruzione della polizia il 21 luglio 2001 l’emittente cessa le trasmissioni per poi riprenderle su internet e sulle frequenze delle radio aderenti, continuando a seguire i vari appuntamenti internazionali del movimento no global. L’esperienza genovese è documentata nel libro (corredato da un cd con le registrazioni dei momenti salienti di quei giorni) RADIO GAP – LE PAROLE DI GENOVA uscito nel 2002. Da Genova Radio Gap ha continuato la sua avventura raccontando eventi come il Social di Firenze del novembre 2002, gli scioperi generali, gli stati generali della scuola, le mobilitazioni locali ecc.

Sempre secondo Orrico “Radio Gap rappresenta un punto di rottura all’interno di un sistema mediatico. Secondo gli esponenti del movimento troppe sarebbero state le strumentalizzazioni e i casi di informazione scorretta e filo governativa da parte dei grandi media italiani e stranieri…” Scrive sempre Orrico: “si sentiva nel movimento la necessità di dotarsi di un megafono, una cassa di risonanza in grado di arrivare a un maggior numero di utenti. Non è un caso che parte importante dei materiali in possesso di Radio Gap siano stati sequestrati, rubati o siano spariti, nei giorni successivi agli scontri, alla mattanza della Diaz e all’omicidio di Carlo Giuliani… Molti dei filmati ancora esistenti sono oggi in possesso della magistratura e costituiscono materiale di fondamentale importanza ai fini dei processi ancora in corso e in attesa di giudizio”. Radio Gap non ha una singola redazione che trasmette il proprio format appoggiandosi ad altre emittenti, ma – secondo Mauro Orrico – rappresenta un’esperienza davvero aperta: “la costruzione di una redazione nazionale deve costituire il frutto della contaminazione delle caratteristiche delle radio”.

Oggi fanno parte del circuito Gap: Radio Onda Rossa di Roma, Radio Onda d’Urto di Brescia, Radio Città 103 di Bologna, Radio K di Bologna, ad esse si sono aggiunte Novaradio di Firenze e RadioLina di Napoli. Il pool di radio ha assunto carattere permanente e il suo progetto comunicativo si è strutturato di una forma multimediale che si è avvantaggiata da una piena integrazione con Internet. Dal sito di Radio Gap si accede infatti a risorse che vanno al di la dei contributi audio delle emittenti del pool che comprendono immagini, testi e link di organizzazioni e associazioni della stessa area politico-culturale di Radio Gap.

ALTRE RADIO DELLA REGIONE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...